17 Dicembre 2002

Il Codacons: «Paghino i funzionari, non i telespettatori»

Caso lewinskyDall?azienda 25 mila dollari, Vespa nega altri 10 mila: «Volevano alzare il prezzo»

La Rai fa i conti con Monica

Il Codacons: «Paghino i funzionari, non i telespettatori»

Monica Lewinsky, l?ex stagista della Casa Bianca protagonista, nel ?98, del «Sexgate» con il presidente Bill Clinton, è tornata ieri mattina negli Stati Uniti, dopo tre giorni di polemiche incandescenti per la sua (annullata) partecipazione a «Domenica In». Ma il ?caso Lewinsky? italiano, che ha addirittura riacceso l?interesse della stampa americana («invitata ad apparire alla Tv italiana ma poi cacciata perchè aveva un passato troppo scandaloso», ironizzava ieri il New York Post), è tutt?altro che chiuso. Perchè, per la sua mancata ?ospitata?, la signorina ha ricevuto dalla Rai un assegno di 25 mila dollari: 20 mila per la partecipazione al programma domenicale condotto da Mara Venier, più altri 5 mila per il soggiorno romano (era scortata da due accompagnatori); non è stato versato neppure un cent, invece, dei 10 mila dollari pattuiti per la presenza della Lewinsky ieri sera a «Porta a Porta». Monica ha lasciato lo studio, sabato sera, dopo aver visto la sua immagine accostata a quella dell?ex presidente Clinton. Vespa, intervistato ieri dal «Corriere della Sera», ha dichiarato che il no della Lewinsky si basa su un equivoco. «C?era a destra dello schermo la foto di lei, a sinistra quella di Clinton e al centro ?La donna che ha fatto tremare la Casa Bianca? – sono state le parole del conduttore di ?Porta a Porta? – Lei si è girata, chissà cosa ha pensato non conoscendo l?italiano. Gli accordi imponevano: nessun accostamento a Clinton, solo una domanda». Sul versante del compenso, Vespa ha aggiunto che l?entourage di Monica ha «tentato un rilancio», ma lui non ha voluto offrire nemmeno un centesimo di più. Inoltre la presenza dell?ex fiamma di Clinton a «Porta a Porta» era stata «imposta» dall?azienda. Chi pagherà i 25 mila dollari? Per l?intesa dei consumatori (Codacons, Adusbef, Federconsumatori, Adoc), il conto non dovrà gravare sui telespettatori, ma dovranno farsene carico personalmente «i funzionari della Rai responsabili del pasticcio». Non è finita: i consumatori annunciano un esposto alla Corte dei Conti sui compensi pagati all?ex stagista «per non fare nulla». Mentre Renzo Lusetti della Margherita sollecita un?epurazione: «Forse sarebbe il caso che il presidente dell?azienda ci facesse sapere chi sono i responsabili e quali sono i provvedimenti che si adotteranno nei confronti di chi, dopo aver sbagliato una volta si è successivamente accanito». Da qui le suore del «Caritas Baby Hospital» di Betlemme hanno lanciato un appello al mondo perché «Betlemme muore, tra l?indifferenza del mondo cristiano. A pochi giorni dal Natale, qui a Betlemme non sappiamo più cosa sia il far festa». Nessuno le ha intervistate. Si potrà obiettare che esistono oggettive difficoltà d?accesso nella città occupata dagli israeliani, ma è triste ammettere che quelle donne coraggio non si chiamano né Lewinsky, né Ferilli né Venier.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this