28 Giugno 2012

Il Codacons: «Non è un bel segnale Prima di firmare informatevi bene»

Il Codacons: «Non è un bel segnale Prima di firmare informatevi bene»

«Capisco che i gruppi della grande distribuzione possano lanciare iniziative del genere, ma non è un bel segnale. E in ogni caso invito tutti i consumatori a informarsi bene prima di sottoscrivere contratti o altro». Il responsabile provinciale del Codacons, Mauro Antonelli, commenta così la nascita delle prime “banche” nei supermercati comaschi: «I dati Istat appena diffusi dimostrano la drammaticità della situazione delle famiglie italiane e le catene si comportano di conseguenza – sottolinea Antonelli – Cercano di andare incontro alle esigenze dei clienti e, per certi versi, tornano a comportarsi come i negozianti di una volta, che segnavano sul libretto e consentivano ai clienti di pagare il conto in un secondo momento. Inoltre, visto che le banche prestano sempre meno soldi e concedono mutui con il contagocce, si aprono nuovi spazi. E la grande distribuzione cerca subito di andarli a riempire. Da un lato – prosegue il responsabile del Codacons – può essere anche positivo, perché la concorrenza è un bene. Ma dall’ altro lato non si tratta certamente di un bel segnale, perché vuol dire che la contrazione dei consumi alimentari è talmente alta da costringere i supermercati a dedicarsi anche ad altri servizi, per far quadrare i conti. I dati purtroppo ci dicono che gli acquisti di generi alimentari sono diminuiti dell’ 8% in un anno. Il consiglio generale – conclude Antonelli – è comunque quello di leggere con attenzione tutti i documenti e di confrontare diverse offerte prima di accettare le condizioni di un mutuo o di un finanziamento». M. Sad. © riproduzione riservata.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox