fbpx
29 Agosto 2010

Il Codacons ha annunciato che lunedì depositerà un esposto alla Procura della Repubblica di Roma “per concorso di ignoti

 
Il Codacons ha annunciato che lunedì depositerà un esposto alla Procura della Repubblica di Roma «per concorso di ignoti nell’ omicidio colposo del bambino rom morto nell’ incendio di via Morselli a Roma». «Chi aveva il dovere per legge di dare una sistemazione adeguata e umana a questi rom – ha dichiarato il presidente dell’ associazione, Carlo Rienzi – chi aveva e ha il dovere di scacciare dalle strade oltre le prostitute anche i topi e la sporcizia e chi aveva il dovere di prevenire la tragedia, se non lo ha fatto è corresponsabile di essa». Il Codacons chiede anche «il sequestro dei campi abusivi e la loro bonifica dalla sporcizia e degrado da parte dell’ esercito fin tanto che il Comune non troverà una sistemazione agli occupanti». Immediata la replica di Giorgio Ciardi, delegato del Sindaco di Roma alle Politiche per la sicurezza che parla di «iniziativa strumentale e cialtronesca». Ciardi ha sottolineato «lo straordinario lavoro del Comune guidato dal sindaco Alemanno che attraverso l’ elaborazione del piano nomadi ha finalmente dato quella risposta che è mancata negli ultimi sessant’ anni mettendo in campo una politica che porterà nel giro di poco tempo alla costruzione di 13 campi attrezzati». Viardi fa sapere che il Comune è pronto a un confronto anche in sede giudiziaria. Najo Adzovic, delegato ai rapporti con la comunità rom di Roma, ha sottolineato l’ impegno di Alemanno e del governo «nell’ inserimento della comunità rom nel tessuto sociale della Capitale».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox