19 Febbraio 2009

Il Codacons contesta le Poste L’investimento svanisce “Ora risarciteci”

CASALE MONFERRATO Una quindicina di persone, soprattutto anziane, si sono rivolte al rappresentante provinciale dell’associazione consumatori Codacons, l’avvocato Paolo Antonio Missineo, per chiedere assistenza in quanto avevano investito parte dei propri capitali in polizze vita «index linked» proposte dalle Poste e denominate «classe 3A valore reale e ideale». Erano state collocate nel 2002, ma per il perdurare della crisi finanziaria le polizze hanno registrato una consistente diminuzione del valore di riscatto, rispetto al premio versato, facendo di fatto perdere a chi le ha stipulate il capitale investito. L’avvocato Missineo sostiene che le Poste avrebbero dovuto avvertire la clientela di quanto stava succedendo e intende avanzare per i suoi clienti richiesta di risarcimento del capitale investito, cifre intorno ai 5000 euro che per una persona anziana hanno un valore consistente.  Un incontro nazionale tra le Poste e l’associazione consumatori Codacons ha prospettato una soluzione al problema che sul territorio nazionale ha coinvolto un numero consistente di risparmiatori. «Si proporrebbe – dicono alle Poste – di trasformare le polizze classe 3A in un prodotto a capitale garantito, denominato "postafuturo ad hoc". Le nuove polizze, le cui prestazioni a scadenza, garantite al 100%, sono fissate fin dall’inizio, non saranno quindi più oggetto delle fluttuazioni finanziarie». Insomma un cambio di investimento, che chi è già stato scottato non accoglie con particolare piacere. «Tale prodotto – aggiungono alle Poste – non comporta l’assunzione di rischio di investimento e avrà la finalità di preservare interamente il valore del premio versato; in particolare è previsto il differimento della scadenza del contratto al 31 dicembre 2015 e un valore di rimborso a quella data pari al 105% del premio versato». «Pur pensando di avere messo in campo la migliore soluzione possibile – il commento delle Poste – tesa a salvaguardare gli investimenti effettuati, non escludiamo la possibilità di proporre altre soluzioni che vadano incontro ad alcuni casi limite di clienti particolarmente anziani o in situazioni di reale e comprovato disagio economico». Potrebbe dunque prospettarsi la possibilità di una transazione così come era avvenuto al tempo dei bond argentini.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox