fbpx
12 Febbraio 2015

Il Codacons «Considerati i malfunzionamenti della nave»

Il Codacons «Considerati i malfunzionamenti della nave»

«Il tribunale di Grosseto sconfessa in modo definitivo l’ operato della procura e condanna il comandante Francesco Schettino a 16 anni e un mese di reclusione, ben lontani dai 26 anni e 3 mesi che erano stati richiesti dalla procura». Così il Codacons commenta la sentenza sul naufragio della Costa Concordia. «Molti degli argomenti portati in giudizio dal Codacons – spiega ancora l’ associazione – al fine di evidenziare i devastanti malfunzionamenti della nave e l’ evidente nesso causale tra questi ultimi e la perdita di vite umane, nonché le altrettanto evidenti responsabilità della compagnia armatrice e degli organismi di certificazione e controllo, sono stati evidentemente tenuti dal tribunale in ampia considerazione nel determinare l’ entità della condanna. Tra 90 giorni si conosceranno le motivazioni della sentenza e potranno farsi più precise valutazioni». costa crociere «Sentenza equilibrata, che ci dà ragione» «È una sentenza molto equilibrata che rende giustizia nell’ interesse di tutti». Così l’ avvocato di Costa Crociere, Marco De Luca, ha commentato l’ esito del processo di primo grado per il naufragio della Concordia. «È difficile parlare di soddisfazione quando ci sono 32 vittime – ha aggiunto – ma dal punto di vista patrimoniale la sentenza dà ragione a Costa per quanto era stato fatto dalla società nei risarcimenti prima del processo. Le disposizioni civili sono in linea con quanto sempre offerto da Costa Crociere». l’ ex procuratore verusio «Esito scontato, c’ erano tante prove» La condanna di Francesco Schettino è «un esito scontato» del processo sul naufragio della Costa Concordia. «Le prove raccolte erano tali che non poteva andare diversamente e i giudici hanno confermato tutte le accuse». Lo ha detto il già procuratore di Grosseto, Francesco Verusio, presente in aula ad ascoltare la lettura della sentenza. Verusio ha guidato la procura di Grosseto fino a qualche settimana fa fino a quando è andato in pensione. «È stata una scelta sbagliata – ha osservato Verusio – quella di Schettino di voler affrontare il dibattimento. Ora aspettiamo di leggere le motivazioni». i siti internet nel mondo Dalla Bbc alla Cnn, tutti grande spazio Dalla Bbc alla Cnn, la condanna a 16 anni e un mese a Francesco Schettino per il naufragio della Costa Concordia è stata a lungo in apertura dei maggiori siti di informazione del mondo. «16 anni per 32 morti», ha titolato la Cnn. «Il capitano della Costa Concordia condannato per omicidio volontario», ha scritto la Bbc. Il padre di una vittima «Sedici anni non sono nulla» «Sedici anni per 32 vittime non sono nulla». Così commenta la sentenza Concordia Giovanni Girolamo, padre di Giuseppe, il musicista pugliese che lavorava sulla nave e che morì per salvare un bambino. «È una pena inadeguata – aggiunge Giovanni – e forse lo sarebbe stata anche se Schettino fosse stato condannato a 26 anni, quanto chiesto dall’ accusa. E poi non doveva essere condannato solo Schettino, ma anche chi era in plancia con lui e chi, della Costa, era a terra e non ha fatto nulla».
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox