19 Aprile 2002

IL CODACONS CHIEDE UNA REVISIONE STRAORDINARIA DI TUTTI GLI AEREI DA TURISMO

    DISASTRO AEREO A MILANO: IL CODACONS CHIEDE UNA REVISIONE STRAORDINARIA DI TUTTI GLI AEREI DA TURISMO OPERANTI NEI CIELI ITALIANI SE IL CARRELLO DEL COMMANDER PRECIPITATO IERI SUL PIRELLONE SI FOSSE APERTO REGOLARMENTE FORSE SI SAREBBE EVITATA LA STRAGE

    ALLARME ANCHE A FIUMICINO: LO SCORSO 17 APRILE SI E? VERIFICATO UN BLOCCO DELLE COMUNICAZIONI RADIO TRA TORRE DI CONTROLLO E AEROMOBILI PER 40 MINUTI!







    Il Codacons chiede ufficialmente all?Enac (Ente Nazionale per l?Aviazione civile) e alla Direzione Generale dell?Aviazione Civile del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, una revisione straordinaria di tutti i velivoli da turismo operanti nei cieli italiani.
    La richiesta, spiega il Codacons, si rende necessaria alla luce del tragico incidente che ieri ha visto protagonista un Commander 112 TC, anche se di provenienza svizzera.

    Pare infatti che il piper schiantatosi sul Pirellone avesse avuto in volo problemi con il carrello, segnalati anche alle Torri di controllo di Locarno e Linate, carrello che inspiegabilmente risultava bloccato e non si apriva. Proprio a causa di tali problemi, affermano molti esperti, il pilota si sarebbe forse distratto, finendo poi tragicamente il suo volo contro il grattacielo milanese.

    Ovviamente nessuno può sapere se, in assenza di tale problema tecnico, la strage si sarebbe potuta evitare. Quello che è certo è che, in caso di avaria, questi velivoli diventano delle vere e proprie mine vaganti. E a confermare questa affermazione sono i numeri: negli ultimi anni sono addirittura 6 gli aerei precipitati su strutture civili, provocando diversi morti.

    Proprio la necessità di evitare incidenti simili e tutelare i cittadini, sostiene il Codacons, giustifica la misura straordinaria richiesta, ossia una revisione urgente di tutti gli aerei da turismo operanti nei cieli italiani.

    Ma l?allarme sicurezza si estende anche alle torri di controllo: secondo il SULTA, infatti, tra le 4,40 e le 5,20 del 17 aprile, ?è rimasta inoperativa la sala ricevitori di Fiumicino?, a causa della ?banale disattivazione di un interruttore?. Il sindacato fa sapere che ?di fatto sono rimaste interrotte le comunicazioni radio tra la torre di controllo e gli aeromobili per 40 minuti? , e che ?la torre di controllo non ha potuto neppure segnalare ad un aereo in attesa di decollo, la propria difficoltà utilizzando le previste segnalazioni luminose o gli appositi razzi in quanto sprovvista di tali strumenti!!!!?.

    Un evento inquietante, sostiene il CODACONS, che getta ombre scure sulla sicurezza dei voli nazionali e non.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox