13 Gennaio 2006

Il Codacons chiede di annullare i voli con Istanbul

EMERGENZA AVIARIA Fao: in Turchia il virus dei polli potrebbe diventare endemico

Il Codacons chiede di annullare i voli con Istanbul, mentre l`Ue propone un decalogo di comportamento “

Due persone colpite da virus H5N1 sono morte in Cina portando così a cinque il numero di decessi per influenza aviaria. Lo riferisce l`Organizzazione mondiale per la Sanità. Una bambina di dieci anni è morta il 16 dicembre e un uomo di 35 il 30 dicembre, secondo quanto reso noto dal portavoce dell`Oms, Roy Wadia, citando il ministero della Salute cinese. Mentre la Fao lancia l`allarme per l`Europa: la malattia potrebbe diventare endemica in Turchia, e diventare un potenziale pericolo per i Paesi vicini. TURCHIA: ALLARME PER I CONFINANTI “Il virus potrebbe diffondersi nonostante le misure di controllo già prese“, ha detto Juan Lubroth, esperto Fao di salute animale. “Se non si riuscirà ad isolare i luoghi dove il virus aviario è al momento presente vi sarà un`esposizione al virus degli esseri umani e degli animali ancora maggiore“, ha aggiunto. Gli scienziati temono che il virus dei volatili, mescolandosi con quello della normale influenza all`interno di un organismo umano, possa subire una mutazione che consentirebbe la sua trasmissione da uomo a uomo. Tuttavia tale rischio, hanno spiegato resposabili dell`Oms oggi in Turchia, ancora non si è concretizzato. E la Turchia, hanno aggiunto, sta agendo bene, “in modo appropriato“. La Fao – informa una nota dell`organizzazione delle Nazioni Unite per l`Alimentazione e l`Agricoltura – ha fatto appello ai paesi confinanti, all`Armenia, all`Azerbaigian, alla Georgia, all`Iraq, all`Iran e alla Siria, perchè mantengano alta la vigilanza, applichino le misure di sorveglianza e di controllo ed assicurino che l`opinione pubblica sia bene informata sui rischi dell`influenza aviaria. I casi di infezione devono essere segnalati immediatamente e nelle zone dove si sono manifestati i focolai epidemici devono essere applicate tutte le misure di controllo raccomandate a livello internazionale, quali l`abbattimento del pollame, l` solamento e, quando indicato, le vaccinazioni“. STORACE: NIENTE BLOCCO DEI VOLI Il ministro Storace ha ribadito che non è avvenuto il passaggio del virus dell`influenza aviaria da uomo a uomo, ma che in Turchia ci sono state alcune persone che si sono infettate in villaggi rurali, contraendo il virus da animali. Per questi motivi, “non c`è necessità del blocco del traffico aereo con la Turchia“. Anche se c`è chi il blocco del traffico con la Turchia lo chiede e fra questi il Codacons. “E` una misura rigida ma indispensabile per evitare contagi e il diffondersi dell`influenza aviaria anche nel nostro paese – afferma il Presidente Codacons Carlo Rienzi. I viaggi in Turchia devono essere temporaneamente vietati e consentiti solo per motivi particolari o di ordine pubblico. Necessario poi incrementare i controlli alle frontiere, sottoponendo i soggetti di qualsiasi nazionalità che provengono dalla Turchia ad analisi specialistiche prima di entrare in Italia, e controllare che polli e uova, provenienti da qualsiasi paese, non siano transitati dalla Turchia“. DECALOGO UE Ma per chi non vuole mettere il passaporto nel cassetto esiste un decalogo di consigli che l`Unione Europea ha preparato: 1) Evitare contatti con pollame vivi 2) Evitare contatti con volatili selvaggi 3) Evitare di visitare mercati di animali vivi e allevamenti di pollame 4) Evitare contatti con superfici contaminate da escrementi 5) Evitare di toccare degli uccelli trovati morti 6) Non mangiare pollame, uova o anatre crudi o non abbastanza cotti 7) Avere una buona igiene personale 8) Lavarsi frequentemente le mani 9) Non tentare di portare volatili vivi in Europa 10) Rispettare le istruzioni delle autorità nazionali.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox