26 Agosto 2002

Il Codacons chiede di abolire i pedaggi

Rientro con qualche rallentamento e qualche coda, ma non c?è stato il temuto ingorgo dovuto al traffico della giornata considerata più a rischio

Vacanze agli sgoccioli, riaprono le città

Incolonnamenti al casello di Roncade sulla direttrice per Venezia. Il Codacons chiede di abolire i pedaggi

Roma.
Tanti gli italiani in viaggio sotto un tempo incerto per far ritorno nelle città dopo le ferie: il traffico, ieri, è stato intenso su tutta la rete ma non sono state segnalate situazioni particolarmente critiche anche se la giornata è stata indicata con il `bollino rosso` dalla Società Autostrade.Il traffico automobilistico ha avuto prevalentemente direzione sud-nord e code sono state registrate intorno alle grandi città: in particolare alla barriera sud, in entrata a Milano, dove si sono formati 700 metri di fila, a quella di Roma sud e al casello di Roncade dell`A/4 Venezia-Trieste, in direzione di Venezia.Traffico intenso anche sulla Roma-Fiumicino, sulla Roma-Civitavecchia e sulla diramazione Roma-sud, oltre a rallentamenti sulla A1 Frosinone-Anagni. Sulla statale Colle di Tenda, in direzione di Torino, si sono formati 8 km di coda per lavori.

In mattinata sulla A/14 il traffico è stato quasi paralizzato lungo la carreggiata nord per un tamponamento a catena nel tratto tra Ancona e Senigallia. Nel pomeriggio, sempre sulla A/14, tra Cattolica e Rimini sud, il traffico è stato intenso con code a tratti; intenso anche tra Fano e Cattolica e nei pressi di Canosa per un tamponamento, che ha causato circa 2 chilometri di coda.

Rallentamenti anche sull`A3 Salerno-Reggio Calabria: su quest`ultima, dove si trovano vari restringimenti di carreggiata a causa di lavori in corso, ha `vigilato` di persona, per incarico del ministro Lunardi, il capo del dipartimento della protezione civile Guido Bertolaso. Traffico intenso anche sulla statale 106 `Jonica`, in direzione nord. Segnalate code anche sulla A22, tra il confine e Vipiteno, in direzione sud, per l`arrivo dal nord Europa di turisti in Italia: in giornata si è formata una colonna di auto di qualche chilometro. Sono state inoltre indicate code verso la Svizzera, all`altezza della dogana di Como Brogeda, sulla A9. Circa 100 mila persone al giorno sono state registrate in movimento, in questo fine settimana, negli scali marittimi e aeroportuali della Sardegna: in gran parte si tratta di turisti. Molto intenso il traffico automobilistico, soprattutto nella zona di Olbia.PEDAGGI – Troppe le code ai caselli autostradali: per questo il Codacons ha chiesto ai prefetti di consentire nei momenti di maggiore traffico il passaggio senza pagare il pedaggio. Per il futuro il Codacons ha annunciato l`intenzione di farsi promotore di iniziative affinché venga resa obbligatoria per tutte le auto la dotazione del Telepass senza che vi sia la necessità del conto corrente bancario dove addebitare i pedaggio e le relative commissioni.

AL LAVORO – Dopo il controesodo di questo fine settimana le città torneranno a ripopolarsi: già oggi, secondo l`Osservatorio di Milano, si segnalerà la ripresa dell`attività dopo la pausa estiva per l`85\% delle industrie e per oltre l`80\% degli esercizi commerciali ed artigianali. Si calcola che complessivamente torneranno al lavoro 4 milioni di persone nell`industria e 2,5 milioni di addetti a commercio e artigianato.

BLOCCATI – Ci sono anche i `condannati alle vacanze`: 160 passeggeri del volo Catania-Ginevra della Panair sono rimasti a terra per mancanza dell`aereo allo scalo di Fontanarossa. E un gruppo di 160 turisti italiani in Tunisia sono in attesa di sapere se potranno rientrare in Italia. Il loro aereo non è arrivato.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox