22 Settembre 2004

Il Codacons apre uno sportello per i casi di malasanità

Sentenza della Cassazione. Medici responsabili delle loro azioni. Il Codacons apre uno sportello per i casi di malasanità

?Il chirurgo estetico sbaglia? Paghi?

Oltre la parcella, i maghi dei bisturi dovranno risarcire tutti i danni morali e materiali per i mancati risultati







ROMA ? La formula «soddisfatti o rimborsati», tipica dei «contratti commerciali» non si applica nei confronti di quei pazienti che subiscono interventi di chirurgia estetica che non danno i risultati voluti. Lo sottolinea la Cassazione, avvertendo che i maghi del bisturi che sbagliano simili delicati interventi non possono cavarsela solo restituendo al paziente insoddisfatto il prezzo della parcella medica, ma devono provvedere a risarcire tutti i danni morali e patrimoniali causati per loro colpa. Esprimendo questo indirizzo la Suprema Corte ha accolto il ricorso di una signora romana, Giacomina D., contro la sentenza della Corte d`Appello della capitale che le aveva liquidato solo 1.700 euro per essere stata operata, con un intervento di riduzione del seno, in modo insoddisfacente. La Corte d`Appello aveva invece stabilito che il chirurgo estetico doveva restituire alla sua paziente solo il prezzo della parcella intascata, dal momento che la «mastoplastica riduttiva» non aveva sortito gli effetti sperati. Contro il verdetto d`appello, la donna ha protestato in Cassazione. La Suprema Corte ha condiviso il punto di vista della signora Giacomina giudicando «fondato» il suo ricorso. In proposito, la Cassazione ha rilevato che ogni qualvolta sia accertato l`inadempimento del medico, ci deve essere «il risarcimento del danno» sia morale che patrimoniale. E nel caso specifico i giudici hanno detto che il danno «c`è stato perchè l`intervento non ha dato il risultato estetico atteso, perchè vi è stato inutile dispendio di denaro e di tempo, perchè la paziente ha subito inutilmente un grave stress psicofisico in anestesia generale». Inoltre, i magistrati di legittimità hanno aggiunto che danno vi è stato anche perchè la signora Giacomina dovrà «subire un ulteriore intervento, con inevitabile stress psicofisico, nel tentativo di veder conseguito, da parte di altro professionista estetico, quello che il dottor Carmine B. non è stato capace di fare». Per quanto riguarda la cifra che questa volta la Corte d`Appello dovrà liquidare alla sfortunata paziente ? che voleva un risarcimento danni di circa 25 mila euro più le spese ? la Cassazione ha avvertito che dovranno comprendere anche le eventuali «maggiori spese» che si rendessero necessarie per il nuovo intervento ed anche i «maggiori danni (o pericoli) ai tessuti direttamente interessati (o ad altri) e i maggiori traumi psicofisici per il paziente». Il Codacons accoglie con soddisfazione la sentenza della Corte di Cassazione: «Una sentenza importante ? afferma il presidente Carlo Rienzi ? perchè costringe i chirurghi plastici ad un maggior rigore». Proprio per i casi di malasanità, compresi interventi di chirurgia estetica sbagliati, il Codacons ha avviato uno sportello legale su internet all`indirizzo www.articolo32.net dove i cittadini possono non solo trovare materiale utile, ma anche chiedere confluenze legali on line ad avvocati esperti in materia.


Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox