fbpx
2 Novembre 2019

Il Codacons aiuterà i 10.000 risparmiatori danneggiati da Bio-on

Sarebbero centinaia i risparmiatori che chiedono aiuto al Codacons per la vicenda che sta coinvolgendo Bio-on, la produttrice di bioplastiche imolese i cui vertici sono accusati di false comunicazioni sociali e manipolazione del mercato dalla Procura. Risparmiatori che si incontreranno mercoledì della prossima settimana nel corso di un’ assemblea. È quanto comunica, in una nota, la stessa associazione a tutela dei consumatori secondo cui nel caso della società emiliana ci sarebbe «400 milioni di euro di perdite da recuperare». Nel dettaglio, viene spiegato, il Codacons «si prepara a fornire assistenza ai 10.000 risparmiatori della società danneggiati dalle perdite registrate dal titolo» e dai presunti «illeciti su cui indaga la magistratura». «Già centinaia di azionisti si sono rivolti alla nostra associazione – continua il Codacons -, la prima a scendere in campo sul caso, per ottenere aiuto e informazioni: in totale sono coinvolti circa 10.000 risparmiatori per perdite complessive superiori ai 400 milioni di euro, soldi che adesso andranno recuperati». Per questo, conclude l’ associazione, i risparmiatori che si ritengono danneggiati da Bio-on si raduneranno il prossimo 6 novembre a Bologna, nel corso di una assemblea indetta dal Codacons. Due giorni fa, intanto, è stato nominato il nuovo amministratore delegato dell’ azienda rimasta senza governance dopo la bufera giudiziaria. Si tratta di Luca Mandrioli, modenese, accademico e specialista in diritto fallimentare. Dovrà verificare la situazione contabile, economica e finanziaria della società, nonché, scrivono i giudici, «le prospettive di reale funzionalità e attendibilità scientifica degli assets». Nella stessa giornata di giovedì Marco Astorri è tornato in libertà. Il gip ha disposto infatti la sostituzione della misura cautelare con il divieto di ricoprire cariche direttive in società, visto che ormai l’ ex presidente ha rassegnato le dimissioni da Bio-on. «Da uomo libero – ha fatto sapere tramite i suoi legali Filippo Sgubbi e Tommaso Guerini – sono a completa disposizione dell’ autorità giudiziaria e di chi sarà chiamato a gestire Bio-on».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox