fbpx
14 Aprile 2019

Il centrodestra insiste: «C’ è bisogno di cambiare»

– PERUGIA – NUMEROSE anche ieri le reazioni politiche alla maxi inchiesta sulla sanità umbra. Fratelli d’ Italia chiede di «commissariare l’ Azienda ospedaliera di Perugia. Serve l’ intervento del prefetto – spiegano in una nota il senatore Franco Zaffini, il deputato Emanuele Prisco e il capogruppo in Consiglio regionale Marco Squarta – per ripristinare la governance del più importante polo ospedaliero regionale e garantire i servizi ai cittadini». «RITENGO opportuna la mozione immediata di sfiducia, al presidente della Giunta regionale (la sanità è il 65% del bilancio) e il ritorno alle elezioni anticipate», afferma Claudio Ricci, consigliere regionale del gruppo Misto. Carlo Rienzi, presidente del Codacons Umbria, spiega che l’ associazione «ha deciso di costituirsi parte lesa nell’ indagine in rappresentanza di tutti i cittadini umbri, danneggiati dalle irregolarità nei concorsi pubblici relativi alla fornitura di servizi essenziali come quelli sanitari». «CHIEDIAMO al Pd e alla presidente Marini di fare un passo indietro, il tempo è scaduto. La Lega Umbria è pronta ad assumere la responsabilità di governo in elezioni che devono arrivare quanto prima»: è quanto hanno detto invece alcuni parlamentari umbri della Lega, Virginio Caparvi, Luca Briziarelli, Riccardo Augusto Marchetti, insieme al consigliere regionale Valerio Mancini, in una conferenza stampa convocata ieri mattina per parlare delle ultime vicende relative alla sanità umbra nella sede della Lega di Perugia. «Quello che ha fatto il Pd è aver portato una regione al tracollo» hanno detto per poi aggiungere: «Carte alle mano emerge che hanno usato la loro appartenenza politica per nomine alla sanità». «CREDO che in Umbria si debba andare a nuove elezioni. Quello che è accaduto è il passato, è roba dai momenti peggiori della Prima Repubblica. Si è conclusa la stagione dello strapotere del Pd, che attraverso la macchina organizzativa della Regione, assumeva persone per controllare politicamente il territorio» ha invece affermato il presidente del Parlamento europeo e vice presidente di Forza Italia, Antonio Tajani. Critiche aspre al Pd anche dai partiti della sinistra come Potere al Popolo e il Partito comunista.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox