9 Settembre 2020

Il caso Girolami finisce in Parlamento e c’ è pure un esposto al Comune

Si riaccendono i riflettori sulla Girolami. Dopo i numerosi servizi, e l’ intervista rilasciata all Tempo del dirigente scolastico dell’ Istituto Comprensivo Margherita Hack, la Lega presenta alla Camera un’ interrogazione parlamentare a risposta scritta e il Codacons un esposto al Comune di Roma affinché intervenga con urgenza per mettere in sicurezza e rendere di nuovo agibile la scuola di Monteverde. Ieri mattina, intanto, è andato in scena il sit-in dei genitori dei bimbi della materna comunale ospitata nel plesso Girolami, che verranno spostati nella scuola Isacco Artom per decisione del Municipio XII. Una manifestazione contro le «classi pollaio», scaturita dal timore incombente che non si riescano a rispettare le normative anti-Covid. «Mentre nelle scuole si cerca di rispettare il distanziamento sociale anche con l’ introduzione di banchi singoli, a Monteverde il sindaco Raggi pare ragionare al contrario e di fatto accetta di forzare su spazi, normative antincendio facendo sparire una mensa», commenta il capogruppo della Lega in Municipio Giovanni Picone. Il 14 è vicino e i problemi negli istituti continuano a moltiplicarsi. Per le 1.200 scuole della Capitale il nuovo anno scolastico alle porte si aprirà all’ insegna dell’ incertezza. Su tutti i fronti. Del resto, «il 10% delle famiglie, secondo i dati dell’ ultima nostra ricerca, mostrava paura per mancanza di informazioni sull’ inizio dell’ anno già a un mese della riapertura delle scuole», evidenzia Raffaella Milano, direttore dei programmi Italia -Europa Save The Children. L’ impegno dei presidi si è fatto sentire – dalla riqualificazione del plesso della scuola di via della Nocetta alle riorganizzazioni di diversi altri istituti – ma non basta. Una classe al Liceo Ruiz starà in corridoio, al Virgilio di via Giulia si comincerà alternando lezioni in presenza, per le prime e sicuramente pure per le quinte, e a distanza, vista la ca pienza delle aule. «Le aule sono aumentate per la rivisitazione degli spazi, quindi dovrà aumentare pure l’ organico», si augura Andreana Boffardi, docente di religione dell’ IC Via Poseidone a Torre Angela. Difficoltà nell’ intera regione. «Sono stata informata che i banchi singoli della gara bandita dal commissario Arcuri (che da noi serviranno a coprire il 30% del fabbisogno) potranno arrivare anche a ottobre. Ciò complica ulteriormente l’ organizzazione, mettendo a rischio il distanziamento», chiosa Ester Corsi, ds dell’ IC Ma meli di Palestrina. VAL.CON.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox