17 Marzo 2017

«Il boom dei maghi causato dalla crisi» 13 milioni di clienti

«Il boom dei maghi causato dalla crisi» 13 milioni di clienti
in piemonte sono 1.400 gli operatori dell’ occulto un giro d’ affari da 8 milioni, quasi tutti in nero

Ô Maghi, fattucchiere, tarocchi, sfere e pendolini sono sempre più diffusi tra gli italiani. A dispetto dei tempi che avanzano, sono infatti sempre più coloro che in un momento di difficoltà si affidano ai “pro fessionisti dell’ occulto” per combattere il malocchio, allontanare il demonio o più semplicemente sapere se un giorno saranno finalmente felici. Con il rischio non solo di gettare al vento i propri soldi (e questa in realtà è già una certezza) ma anche di cadere in mano a personaggi privi di scrupoli. A lanciare l’ allarme, proprio in seguito all’ arresto del santone torinese, è il Coda cons: «A oggi – spiegano dall’ associazione sono 13 milioni i cittadini che ogni anno si rivolgono al mondo dell’ occulto, oltre 3 milioni in più rispetto al 2001, quando circa 10 milioni di italiani ricorrevano almeno una volta l’ anno agli operatori dell’ occulto». Tralasciando per un attimo il rischio di essere drogati e coinvolti in riti a sfondo sessuale, come purtroppo successo a Torino, uno degli aspetti da considerare è quello economico. Infatti, secondo il Codacons, il business generato dall’ occultismo in Italia ha raggiunto nel 2016 la stratosferica quota di 8 miliardi di euro ma «è un dato ovviamente arrotondato per difetto, dal momento che quasi tutte le prestazioni avvengono in nero». Insomma, essere in qualche modo “complici” di una evasione fiscale è il minimo che ci si possa aspettare rivolgendosi a maghi e santoni. «Sono 30mila i consulti giornalieri – stima sempre il Codacons – per un costo a prestazione che va dai 50 ai mille euro. L’ evasione totale del settore tocca quota 95%». Una vecchia ma sempre valida legge dell’ economia dice che l’ offerta va di pari passo con la domanda: se cresce una, cresce anche l’ altra. E infatti in questi anni è aumentato anche il numero di santoni, guaritori e pseudo -sette, con un incremento del 500% stimato nel periodo della crisi economica, quando molte famiglie che si sono ritrovate in difficoltà con il lavoro hanno cercato conforto in tarocchi e pozioni. Tra maghi, cartomanti, astrologi e veggenti si contano in Italia oltre 155mila operatori dell’ occulto. L’ osservatorio Antiplagio invece pone l’ ac cento su un altro aspetto, la correlazione tra occultismo e gioco d’ azzardo: «Chi frequenta gli operatori dell’ occulto, nel 70% dei casi è appassionato anche di giochi». Non stupisce allora che il santone torinese Paolo Meraglia sia ricordato piuttosto bene in un bar e in una sala giochi a pochi passi da casa sua, dove era solito scommettere sul calcio. «Tutto ciò che a prima vista può apparire consolatorio è in realtà illusorio e soprattutto mette a rischio la vita privata delle persone, bombardate ogni giorno da promesse irrealizzabili e richieste di denaro e dati sensibili. La conseguenza è che, nella stragrande maggioranza dei casi, chi è in crisi e si rivolge ad un operatore dell’ oc culto o cade nella rete del gioco compulsivo peggiora la propria condizione». La crisi avrebbe provocato anche una seconda conseguenza: «Sono molti i “senza lavoro” che, soprattutto su Internet, si improvvisano cartomanti, sensitivi, guaritori e satanisti d’ occasione. In realtà non fanno altro che ingegnarsi per guadagnare, correndo però il rischio di trasformarsi in occasionali truffatori, estorsori, molestatori, violentatori». Secondo l’ Osservatorio, a rivolgersi ai maghi sono soprattutto persone mature (solo il 28% è sotto i 30 anni), con una leggerissima maggioranza di donne (il 51%). In questo enorme giro d’ affari al limite – e spesso oltre – della legalità il Piemonte riveste un ruolo di primo piano, contando circa 1.400 operatori e 90mila clienti, per un volume d’ affari di 45 milioni. Numeri che ci mettono al quinto posto tra le regioni italiane, dopo Lombardia, Lazio, Sicilia e Campania. [cla.ne.]
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox