20 Maggio 2003

Il 709 è il nuovo 144 di Internet

Il 709 è il nuovo 144 di Internet



I consumatori denunciano il nuovo scandalo della telefonia: i servizi a valore aggiunto, che costano fino a tre o quattro euro al minuto e si nascondono dietro pubblicità scaricate da Internet





MILANO ? Bollette stratosferiche, con importi da 500 e persino mille euro; migliaia di famiglie disperate, che non possono pagare e rischiano di vedersi tagliare la linea telefonica. Consumatori sul piede di guerra, contro le società che vendono servizi a pagamento, contro le compagnie telefoniche e soprattutto contro l?Autorità garante delle comunicazioni, rea di tutelare ?solo gli interessi delle telecom?.

A dieci anni dallo scandalo degli 144, i numeri delle linee erotiche a pagamento, sono comparsi nuovi prefissi, che tolgono il sonno agli italiani e, come denunciano le associazioni dei consumatori, ?arricchiscono le compagnie telefoniche?.

Sono i numeri ?a valore aggiunto?, 166, 899 e soprattutto 709, il numero che ha esteso le truffe dalle semplici telefonate al mondo di Internet, usando come esca, soprattutto per i ragazzi, i loghi e le suonerie da scaricare sul telefonino.

L?accusa viene dalle associazioni dei consumatori: dal Movimento di difesa del cittadino, che ha preparato un decalogo per i cittadini, all?Intesa dei consumatori (composta da Adusbef, Adoc, Codacons e Federconsumatori), che ha chiesto alle autorità di sospendere immediatamente i prefissi incriminati, mentre invita le famiglie a non pagare le bollette astronomiche, frutto di servizi non richiesti.


Questi servizi ?non dovrebbero essere fatturati in bolletta? tuona Elio Lannutti, presidente dell?Adusbef, quindi la Telecom commette ?un vero e proprio abuso?, quando stacca la linea, se l?utente contesta la fattura. L?Intesa, infatti, consiglia di pagare ?solo l?importo medio degli ultimi sei o dodici mesi?, escludendo i servizi a valore aggiunto. Poi denunciare il tutto ai carabinieri e all? Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.

Ma come funzionano questi numeri? Per l?166 e l?899 non c?è niente di nuovo: la tariffa è legata al servizio (informazioni, linee erotiche, cartomanti al telefono) e alla durata della chiamata, anche se per l?899 ?c?è l?aggravante? dell?otto iniziale, che lo confonde con i numeri verdi, gratuiti, con prefisso 800 (non è ?verde?, invece, l?848, a tariffazione ?ripartita? fra l?azienda e l?utente, che paga come un?urbana).

La novità, che ha già coinvolto ?centinaia di migliaia di famiglie?, è nel 709, un prefisso per collegarsi a Internet con tariffe variabili. Si naviga su un sito, si clicca su un banner con un logo o una suoneria (ma possono essere anche canzoni o foto da scaricare online) e, senza neanche accorgersene, arriva sul computer un programma in grado di riconnettersi alla Rete con il nuovo numero, al prezzo di ?tre, quattro euro al minuto?.

Questi ?truffatori?, è la denuncia di Lannutti?, ?si intromettono abusivamente sulla linea telefonica?, senza neanche chiedere ?il consenso dell?utente?, ma con la ?connivenza? delle compagnie telefoniche, che prendono per buono il ?silenzio-assenso?. Poi ?arrivano le mazzate per le famiglie?.

Le associazioni dei consumatori sono pronte a perseguire questi abusi ?in tutte le sedi?, ma attribuiscono le maggiori responsabilità alla Telecom, ?che ci guadagna anche con l?affitto della rete?, e all?Autorità garante, che ?non tutela i consumatori?.

Dal primo giugno la Telecom darà a tutti la possibilità di disabilitare il servizio: il ?contrario? di quello che dovrebbe accadere, perché in una situazione normale ?non si può abilitare un servizio senza un?autorizzazione esplicita dell?utente?, mentre in questi casi è successo ?l?opposto?.



Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox