27 Gennaio 2005

Il «53» non vuole uscire

Lotto: il fantomatico numero latita sulla ruota di Venezia da 179 estrazioni
Il «53» non vuole uscire




ROMA – A vuoto anche ieri la caccia all´inafferrabile «53» sulla ruota di Venezia. Il numero, tra i più giocati della storia del Lotto in Italia, non esce da ben 179 estrazioni. Gli scommettitori ci riproveranno sabato. Di fronte al dilagare della psicosi del 53, intanto, il Codacons ha annunciato la presentazione di un esposto alle Procure della Repubblica di Roma e Venezia, in cui chiede di «sequestrare» il 53 sulla ruota di Venezia – in relazione «al disordine pubblico» che sta causando – e anche di «avviare contro ignoti indagini penali». Sono numerosi, secondo il Codacons, i reati che si possono ravvisare relativamente alla psicosi del 53: concorso in istigazione al suicidio, violenza privata, istigazione all´usura, truffa commerciale (relativamente a chi vorrebbe far credere che il ritardo di un numero ne aumenti le probabilità di estrazione), concorso in bancarotta famigliare, concorso in abuso della credulità popolare e altri ancora. Il Codacons chiede inoltre al ministro dell´Economia, Domenico Siniscalco, di avviare una campagna di prevenzione, analoga a quella per le sigarette, presso le ricevitorie del Lotto, facendo esporre all´interno cartelloni giganti con una scritta che avverta che «i numeri ritardatari non hanno maggiori possibilità degli altri di essere estratti» e che «le scommesse eccessive possono danneggiare irrimediabilmente le persone e i loro beni».
Sui rischi del gioco e sulla febbre da «53» domani a Napoli partirà un volantinaggio. Anche padre Massimo Rastrelli, presidente della Fondazione antiusura «Giuseppe Moscati», si è schierato al fianco della campagna del Telefono Blu. Secondo l´associazione la scorsa settimana in Campania sono stati scommessi 200 milioni di euro. Ecco perchè Telefono Blu insiste per ottenere le avvertenze sui biglietti e le schedine. Il volantinaggio contro i rischi del gioco – ha dichiarato il delegato regionale della associazione dei consumatori, Antonio Pariante – è volto a mettere in evidenza i pericoli del gioco e consiste nella divulgazione di un semplice messaggio di ammonimento ai rischi che possono scaturire dagli eccessi del gioco con la frase: “Giocare è normale, ma troppo fa male!“ riportata nel volantino». Tra le adesioni, quella del presidente della Commissione Internazionale del Rotary Club Napoli Nord, Antonio Cirino Pomicino.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox