23 Gennaio 2005

Il 53 delude, nuova fumata nera

E? in ritardo da 178 settimane Finora puntati oltre 4 miliardi


Il 53 delude, nuova fumata nera


Roma e Milano le città che hanno scommesso di più Ma le giocate diminuiscono


Il 53 delude, nuova fumata nera


Roma e Milano le città che hanno scommesso di più Ma le giocate diminuiscono

MILANO. Ennesima fumata nera ieri sera per il 53 sulla ruota di Venezia. Il superitardatario del Lotto rimane ancora nell?urna dopo ben 178 estrazioni consecutive, dissolvendo sogni e speranze di chi si è ormai indebitato all?inverosimile. E ora c?è chi, come il Codacons, dice «basta». Se la prossima settimana il 53 dovesse finalmente fare la sua comparsa tra gli estratti di Venezia, regalerebbe vincite per 1,1-1,2 miliardi. Ma intanto per il numero che nella smorfia napoletaena corrisponde al «vecchio» c?è già chi si è tolto la vita, chi ha ammazzato anche moglie e figlio, chi si è giocato la casa, chi ha cambiato residenza perchè non sa come far fronte ai debiti. Il Codacons nei giorni scorsi ha chiesto di limitare a mille euro l?importo massimo per ogni giocata e ora minaccia di ricorrere alla magistratura. «Lo Stato deve intervenire – ribadisce il presidente Carlo Rienzi – perchè ormai si contano i morti, è un fenomeno che solo il governo con un decreto può fermare. I casi sono due: o si limitano le scommesse per ogni giocatore o si fissa un tetto massimo di assenze per i numeri». Il 53 occupa la dodicesima posizione nella classifica delle massime assenze nella storia del Lotto, ma il gioco su questo ritardatario «non ha precedenti» sottolinea Fabio Felici, direttore responsabile dell?Agicos, l?agenzia giornalistica specializzata in concorsi e scommesse. Fino ad ora, sull?ultracentenario veneto sono stati puntati in totale oltre 4 miliardi di euro. Secondo l?Agicos solo mercoledì scorso gli italiani hanno giocato al Lotto poco meno di 127 milioni di euro e di questi 75 sono finiti sul 53 che ha da solo catturato il 60% delle giocate. Roma e Milano sono le città che più hanno scommesso sul «vecchio» raccogliendo da sole il 14,6% delle giocate: l?una sfiora i 300 milioni di euro puntati, l?altra segue a poca distanza con quasi 296 milioni giocati. Napoli, la città della Smorfia, è invece al terzo posto con circa 200 milioni. Sopra i 100 milioni di euro troviamo poi Torino, Brescia e Bergamo. Seguono Catania, Varese, Genova e Palermo dove la spesa sul 53 è oscillata tra i 76 e gli 81 milioni di euro. Tra le dieci città che invece hanno di meno tentato la sorte sull?assente di Venezia ci sono soprattutto quelle del sud. La provincia dove si è giocato di meno è Isernia (con 3,5 milioni) seguita da Crotone (5,7) ed Enna (5,9). In generale, è comunque la Lombardia la regione dove si è speso di più nel tentativo di centrare il ritardatario, con giocate che complessivamente hanno superato gli 840 milioni di euro (il 20,7% delle puntate totali). Nella classifica delle regioni stilata dall?Agicos, al secondo posto si piazza il Lazio con circa 410 milioni scommessi; segue l?Emilia Romagna con circa 355 milioni giocati. Ultima la Valle d?Aosta, con poco più di 8 milioni scommessi. Intanto però le giocate stanno diminuendo. L?Agipro (Agenzia giochi a pronostico) calcola un calo di puntate sul 53 del 25,3% dalla prima estrazione del 2005. Molti hanno smesso di sperare e tanti non hanno ormai più soldi da investire sul “vecchio“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox