15 Gennaio 2007

“I trucioli nel vino: ricorso al Tar Lazio per salvare l`export“

Varie organizzazioni unite contro il decreto autorizzativo del Mipaf E Vinitaly sbarca in India, un mercato ancora debole ma che si annuncia in espansione
“I trucioli nel vino: ricorso al Tar Lazio per salvare l`export“

ROMA. Ricorso al Tar del Lazio contro il vino alla segatura. A presentarlo la Coldiretti che ha preso l`iniziativa insieme a Città del vino, Federconsumatori, Codacons, Adusbef, Adoc, Slow Food Italia, Legambiente e alcuni produttori titolari del riconoscimento di denominazioni di origine controllata. L`obiettivo: “Non compromettere la leadership mondiale dell`export conquistata nel 2006 (+6,4%)“, tutelare la qualità ed evitare danni alla salute. Il ricorso al Tribunale amministrativo del Lazio (Tar) per fermare l`uso di segatura di legno per l`invecchiamento artificiale dei vini Made in Italy arriva “dopo che il decreto del ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali del 2 novembre 2006 – riferisce Coldiretti in una nota – lo ha di fatto autorizzato per il 70% della produzione italiana, escludendo solamente i vini a denominazione di origine (Doc/Docg), che rappresentano meno di un terzo del mercato“. “L`utilizzazione dei cosiddetti trucioli per invecchiare il vino aggravata dalla mancanza di una informazione trasparente – continua la Coldiretti – inganna i consumatori e danneggia i produttori che si impegnano nel mantenimento di tecniche tradizionali, quali la maturazione dei vini in botti di legno“. “L`Italia che ora rappresenta circa il 25% delle esportazioni mondiali e ha conquistato negli Usa il primato delle vendite, deve scegliere senza indugio – precisa la Coldiretti – la strada della qualità e della trasparenza senza cedere alle tentazioni di una concorrenza fondata sulla bassa qualità“. Una necessità per non compromettere il successo del vino Made in Italy che nel 2006 ha realizzato un boom del 6,4% nel valore delle esportazioni e un successo rilevante negli Stati Uniti (+5,7%) e nei nuovi Paesi emergenti come India (+60,5%) e Cina (+141,7%), secondo le elaborazioni su dati Istat relativi ai primi dieci mesi. I risultati commerciali del 2006 con una vendemmia buona e su quantità contenute attorno ai 50 milioni di ettolitri dimostrano, afferma la Coldiretti, la presenza di nuove e rilevanti opportunità di crescita del vino Made in Italy che nello scorso anno ha raggiunto un fatturato record di 9 miliardi di euro, 3 dei quali attraverso l`export anche grazie alle garanzie sul divieto dell`utilizzo dei trucioli. Intanto, Vinitaly si trasferisce a metà gennaio in India dove si registra una crescita dei consumi di vino, concentrata nelle fasce di popolazione più giovani e con buona capacità di spesa delle grandi città. Si tratta per ora di 1,6 milioni di famiglie, che nel giro di pochi anni potranno arrivare a 3 milioni. Tra i più noti produttori vinicoli italiani il 15 e dal 17 al 19 gennaio saranno a Mumbai e New Delhi insieme a Veronafiere, organizzatrice dell`evento in collaborazione con Buonitalia Spa. Il consumo di vino in India è ancora esiguo, ma il trend di crescita è elevato e tra il 2004 e il 2005 è stato del 30%. Un bel salto in avanti per un paese che fino al 2001 non permetteva l`import di vini, se non attraverso canali diplomatici, e che a breve, con la richiesta avanzata dall`Ue al Wto per avviare consultazioni bilaterali, potrebbe vedere un boom dei consumi grazie all`abbassamento dei dazi che oggi possono arrivare anche al 250%.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox