13 Ottobre 2021

I rialzi sui carburanti: dove benzina e gasolio sfiorano i 2 euro al litro

Sui prezzi dei carburanti alla pompa proseguono i rialzi. Stando alla consueta rilevazione di Staffetta Quotidiana, questa mattina IP ha aumentato di un centesimo al litro i prezzi consigliati di benzina e gasolio. Ecco le medie dei prezzi praticati comunicati dai gestori all’Osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo economico ed elaborati dalla Staffetta, rilevati alle 8 di ieri mattina su circa 15mila impianti:

benzina self service a 1,719 euro/litro (+4 millesimi);
diesel a 1,579 euro/litro (+5);
benzina servito a 1,826 euro/litro (+3);
diesel a 1,713 euro/litro (+5);
gpl servito a 0,797 euro/litro (+6);
metano servito a 1,079 euro/kg (+2);
Gnl 1,732 euro/kg (+19).

Questi invece i prezzi sulle autostrade, dove benzina e gasolio sfiorano i due euro al litro per il servito:

benzina self service 1,814 euro/litro (servito 1,968);
gasolio self service 1,691 euro/litro (servito 1,915);
gpl 0,896 euro/litro;
metano 0,914 euro/kg;
gnl 1,744 euro/kg.

Di una stangata da 390 euro annui a famiglia, solo per i maggiori costi di rifornimento, parla il Codacons. “Oggi benzina e gasolio costano rispettivamente il 23,4% e il 24,3% in più rispetto allo stesso periodo del 2020”, spiega il presidente Carlo Rienzi. “Un rincaro che si ripercuote non solo sui costi di rifornimento ai distributori, ma sui listini al dettaglio di una moltitudine di prodotti che risentono del rialzo dei carburanti”. “Basti pensare che in Italia l’85% della merce trasportata viaggia su gomma, e i costi di trasporto incidono sui prezzi finali praticati ai consumatori – prosegue Rienzi -. Per tale motivo rivolgiamo oggi un appello al premier Draghi affinché, dopo le bollette di luce e gas, intervenga anche su benzina e gasolio, tagliando le accise anacronistiche che ancora oggi gravano sui carburanti e riducendo l’Iva”. “La tassazione sulla benzina raggiunge infatti oggi il 60,6%, e senza un intervento del governo si registrerà una fiammata dei prezzi al dettaglio con conseguenze negative sul tasso di inflazione e sui consumi delle famiglie”, conclude il Codacons.

“Aumenti settimanali da primato. Un autunno caldo sul fronte dei prezzi dei carburanti. Il governo deve intervenire immediatamente riducendo le accise”, fa notare Massimiliano Dona, presidente dell’Unione nazionale consumatori, che aggiunge: “La benzina segna un incremento settimanale pari a 1 euro e 31 cent per un pieno da 50 litri, un nuovo record dal 13 ottobre 2014, ossia esattamente 7 anni fa, quando svettò a 1718 euro al litro”. Mentre il gasolio “eguaglia il valore massimo del 22 ottobre 2018, 3 anni fa”. Per il Gpl invece “bisogna tornare addirittura al 10 marzo 2014 per trovare un valore più alto, 789 euro al litro. In un anno il Gpl è più caro del 32,3%”.

“Dall’inizio dell’anno, dalla rilevazione del 4 gennaio, ossia in poco più di 9 mesi, un pieno da 50 litri è aumentato di 13 euro e 58 cent per la benzina e di 12 euro e 40 cent per il gasolio, con un rialzo, per entrambi, del 18,8%. Su base annua è pari a un rincaro ad autovettura pari a 326 euro all’anno per la benzina e 298 euro per il gasolio”, sottolinea Dona. “In un anno, dalla rilevazione del 12 ottobre 2020, quando la benzina era pari a 1.389 euro al litro e il gasolio a 1.261 euro al litro, un pieno da 50 litri costa 16 euro e 22 cent in più per la benzina e 15 euro e 31 cent in più per il gasolio, con un’impennata, rispettivamente, del 23,4% e del 24,3%. Un balzo che equivale, su base annua, a una stangata pari a 389 euro all’anno per la benzina e a 367 euro per il gasolio”, conclude.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox