fbpx
13 Novembre 2019

I renziani guidano il sabotaggio alla manovra

valanga di emendamenti alla finanziaria, italia viva spicca per attivismo contro i suoi alleati grillini. stop a galera agli evasori e a stretta sugli appalti con i soldi del reddito. gualtieri è pronto a svuotare sugar e plastic tax. bagarre su assorbenti e seggiolini
giorgio gandola«Sarà modificabile non più del 5%». L’ argine posto dal ministro dell’ Economia, Roberto Gualtieri, resiste pochi minuti, il tempo di contare i 1.000 emendamenti che compongono l’ assalto alla diligenza della legge di Bilancio e dal decreto fiscale che domani esce dalla commissione Finanze e finisce sulla scrivania del premier Giuseppe Conte prima di deflagrare alla Camera. Come sempre spettacolare ed eterodiretta dalle lobby di potere, la carica a modificare, limare, eliminare, riproporre provvedimenti mostra una vitalità tutta italiana che, se messa a disposizione delle grandi criticità di un Paese fermo, diventerebbe un formidabile motore di sviluppo.lotta continuaOvviamente così non è perché il disaccordo è massimo e i temi sono estemporanei, qualche volta surreali. Rottamate (fortemente ridimensionate) prima di vedere la luce sugar tax e plastic tax «deve essere riformulata, ma stop all’ abuso dei contenitori monouso» dice Gualtieri) per l’ opposizione furente di Confindustria e della Corte dei Conti, i partiti della maggioranza si sbizzarriscono sugli asili nido, gli assorbenti e i seggiolini baby da auto. Proprio da Gualtieri arriva la proposta di rendere gratuiti dal primo gennaio i nidi per la grande maggioranza delle famiglie italiane, con un sostegno da 1.500 a 3.000 euro all’ anno per i nuclei con Isee inferiore a 25.000 euro e un incremento da 1.500 a 2.500 euro per quelli con Isee fino a 40.000 euro. Lo scopo è aprire ancora di più alle giovani mamme il mercato del lavoro.L’ idea trova freddo il vicedirettore generale di Bankitalia, Luigi Federico Signorini, che teme un effetto negativo per colpa dell’ Isee: «Gli effetti del bonus per gli asili nido sono potenzialmente rilevanti ma la scelta di legarlo all’ Isee, un indicatore delle risorse disponibili a livello famigliare, invece di incentivare potrebbe scoraggiare la ricerca di lavoro di un secondo percettore di reddito, specie in prossimità delle soglie che determinano l’ importo».Sempre in zona kinderheim, la manovra deve trovare una soluzione all’ adozione dei seggiolini anti abbandono. Tutti chiedono una moratoria al blitz di Movimento 5 stelle e Pd che hanno varato la legge senza alcun preavviso e senza avere ben chiari i parametri tecnici del prodotto, tanto da scatenare le proteste del Codacons. Così i partiti che danno vita al Conte-bis sono costretti a far slittare le multe (i dem vorrebbero partire da marzo, i pentastellati da giugno). Mentre i renziani sono impegnati a spingere per reintrodurre lo scudo legale sull’ Ilva, Laura Boldrini propone un emendamento sottoscritto da 32 parlamentari per abbassare dal 22% al 10% l’ Iva sui prodotti sanitari e igienici femminili, quindi anche gli assorbenti. A questo punto il Movimento 5 stelle chiede di abbattere fino al 5% quella sulle autoscuole. Nel reparto multe c’ è molto fermento. La Lega vuole tornare alla rottamazione delle cartelle esattoriali e arrivare a una sanatoria delle liti pendenti, il Pd propone di estendere lo sconto di sanzioni e interessi anche agli avvisi bonari e Iv chiede di cancellare l’ aumento di pene per gli evasori e la confisca allargata (sfregio al M5s). Nessuno che si preoccupi di abbassare le tasse, tutti che vogliono mostrare interesse (finto) nel proteggere i cittadini, per esempio prorogando al primo luglio l’ applicazione delle sanzioni per quei commercianti che non accettano il codice fiscale, impedendo ai clienti di partecipare alla lotteria degli scontrini. Anche Leu entra nella tonnara e si occupa degli esercenti che non accettano il pagamento elettronico: per loro l’ ammenda dovrebbe corrispondere al 4% del valore dell’ acquisto, con un minimo di 20 euro. Poi, per dire qualcosa di sinistra che faccia stramazzare Matteo Renzi, l’ ala rossa del governo lancia un’ idea epocale: la gestione pubblica di Alitalia per 12-18 mesi. Italia Viva propone un fondo di due milioni di euro per finanziare l’ acquisto di biciclette per la tratta casa-lavoro dei dipendenti. E i pentastellati chiedono detrazioni fino al 50% per i motociclisti che si dotano di airbag. Chi offre di più? Sulla cancellazione della stretta agli appalti prevista per combattere l’ evasione fiscale si rischierà lo show-down: i renziani propongono di coprire l’ eliminazione dell’ articolo 4 del decreto (valore 450 milioni) tagliando il reddito di cittadinanza. C’ è già chi distribuisce gli elmetti in piazza Montecitorio.allarmiA Genova la ministra dei Trasporti e delle Infrastrutture, Paola De Micheli, annuncia alle aziende di logistica che il Mit ha pronti due emendamenti per rinnovare il Marebonus e il Ferrobonus, vale a dire gli incentivi per l’ intermodalità dei trasporti gomma-ferro-mare. «Abbiamo trovato le risorse», esulta De Micheli senza rivelare in quale anfratto del ministero si erano annidate. Questa rincorsa a inserire spese per rendere digeribile e popolare una manovra di serie B mette in allarme Giuseppe Pisauro, presidente dell’ Ufficio parlamentare di Bilancio, che non usa perifrasi: «Anche questa legge di bilancio fissa per il 2020 un livello del rapporto deficit/pil stabile rispetto agli anni precedenti, rinviando agli anni successivi la sua riduzione». Come a dire che per risparmiare c’ è sempre tempo. Non resta che allacciare i seggiolini.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox