13 Agosto 2020

I prezzi in picchiata Luglio in calo dello 0,4%

tecnicamente non si parla di deflazione vera e propria il trend negativo comunque riflette una debolezza generale
Laura Cafaro ROMA Nuova discesa dei prezzi a luglio che toccano il livello più basso da oltre quattro anni, certificando la fase di persistente inflazione negativa in Italia. L’ indice dei prezzi al consumo rilevato dall’ Istat ha segnato il mese scorso un calo dello 0,4% su base annua e dello 0,2% su base mensile . È la lettura finale e denota un peggioramento della dinamica (la lettura preliminare su base annua era -0,3% e in termini congiunturali -0,1%) che fa registrare un’ inflazione negativa per il terzo mese consecutivo, dopo il -0,2% di giugno e maggio, come non avveniva da giugno 2016. In rallentamento i prezzi del cosiddetto carrello della spesa, che include i beni alimentari, per la cura della casa e della persona: si passa da +2,1% a +1,2%, mentre per quelli dei prodotti ad alta frequenza d’ acquisto si osserva un’ inversione di tendenza da +0,1% a -0,1%. L’ inflazione acquisita per il 2020 , calcola l’ Istat, è -0,1% per l’ indice generale e +0,7% per la componente di fondo. L’ inflazione negativa – viene spiegato – continua a essere dovuta all’ andamento dei prezzi energetici, che registrano però una flessione meno marcata (da -12,1% a -10,3%), sia nella componente regolamentata (da -14,1% a -13,6%) sia in quella non regolamentata (da -11,2% a -9,0%). Ma va detto che a concorrere sono anche il rallentamento dei prezzi dei beni alimentari (da +2,3% a +1,3%) e dei servizi (da +0,3% a +0,1%) di cui quelli relativi ai trasporti in discesa da -0,1% a -0,9%. E se tecnicamente non si può parlare di deflazione vera e propria (più legata alle aspettative e al freno della spesa di consumatori e aziende con il conseguente ridimensionamento della domanda aggregata) il trend negativo riflette un indebolimento generalizzato. Un andamento che – osserva l’ Istat – continua a essere la sintesi tra «forti flessioni, seppur meno ampie rispetto a giugno, dei prezzi degli energetici e crescita, più debole rispetto al mese precedente, di quelli degli alimentari». Il contestuale ulteriore rallentamento dei prezzi dei servizi (causato per lo più da quelli relativi a trasporti e da quelli ricreativi, culturali e per la cura della persona), frena l’ inflazione di fondo che perde tre decimi di punto, sia al netto degli energetici e degli alimentari freschi, sia al netto dei soli energetici. «Un pessimo segnale per l’ economia italiana – avverte il Codacons – , perché rispecchia la grave crisi dei consumi nel nostro paese. I prezzi – scendono per effetto del generale impoverimento delle famiglie causato dal Covid, che ha ripercussioni sui consumi, crollati in quasi tutti i settori». Il Codacons parla di «emergenza prezzi in Italia» e chiede al Governo di intervenire «per rilanciare i consumi attraverso misure serie e strutturali e non certo con bonus a pioggia che non hanno gli effetti sperati». Sul fronte delle città e delle regioni Bolzano, Napoli e Trento sono le più care d’ Italia. È quanto emerge dalla classifica dell’ Unione Nazionale Consumatori che, rileva come «non tutte le città e le regioni sono in deflazione».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox