29 Giugno 2013

I dipendenti in assemblea Musei e siti archeologici out

I dipendenti in assemblea Musei e siti archeologici out

Cinquecento turisti in fila sotto il sole davanti ai cancelli chiusi di Pompei, porte chiuse al Pantheon, ingresso sbarrato agli Uffizi. Annunciata da giorni va in scena la protesta dei dipendenti dei beni culturali. E dopo le proteste che qualche giorno fa hanno bloccato anche il Colosseo, per musei e siti archeologici è un venerdì nero. Le assemblee promosse da tutte le sigle sindacali bloccano per l’ intera mattinata Pompei, Ercolano, Oplontis, con i turisti in fila davanti alle biglietterie chiuse. Per la sola Pompei se ne contano 500 e il danno è comunque stato limitato dall’ annuncio, che ha tenuto lontano croceristi e grandi gruppi. Ma fatto salvo il Colosseoescluso dalla mobilitazione come tutti i siti che dipendono dalla soprintendenza archeologica di Roma – le chiusure hanno riguardato tutta Italia dalla Pinacoteca di Brera e il Cenacolo Vinciano a Milano, agli Uffizi e la Galleria dell’ Accademia diFirenze, Palazzo Barberini, la Galleria Nazionale d’ Arte Moderna, il Museo Etrusco, Castel Sant’ Angelo a Roma, il Museo Nazionale di Cagliari, la Galleria Estense di Modena. Non mancano le proteste, dal Codacons al presidente della Commissione Italiana dell’ Unesco Giovanni Puglisi. Peri sindacati, intanto, la manifestazione è un successo e non solo per le adesioni dei lavoratori. Ricevuta dal segretario generale del ministero Antonella Pasqua Recchia, una delegazione dei confederali incassa i primi risultati della protesta: dopo lo sblocco degli straordinari sarebbero in arrivo nuove assunzioni per le diverse qualifiche. Rimane l’ incontro col ministro Bray, fissato per l’ 8 luglio: «Da lui ci aspettiamo risposte politiche – dicono i sindacati-non solo sui tagli alle risorse: tra le richieste anche eliminare sprechi e appalti selvaggi, mettere ordine nei tanti livelli di governo del ministero e soprattutto investire nelle professionalità che salvaguardano e rendono vivo il grande giacimento di cultura che abbiamo».4.
silvia lambertucci

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox