9 Luglio 2007

I consumatori: ora i Nas nei negozi

Analisi sul dentifricio contraffatto
I consumatori: ora i Nas nei negozi

ROMA – Per sapere se i 20.000 tubetti di dentifrici sequestrati sabato sono tossici bisognerà aspettare la metà della settimana. I 61 campioni consegnati dai Nas all` Istituto Superiore di Sanità (Iss) saranno esaminati a partire da questa mattina. E le associazioni per i diritti dei consumatori insorgono. L`Aduc ha sottolineato che già il 4 luglio aveva denunciato la presenza sul mercato di dentifrici cinesi tossici mentre il Codacons chiede l`intervento urgente del ministero della Salute e di quello per lo Sviluppo economico: “Chiediamo ai ministri Turco e Bersani un provvedimento congiunto – ha detto Carlo Rienzi – finalizzato a garantire la sicurezza dei consumatori. Riteniamo indispensabili controlli a campione sui prodotti provenienti dalla Cina e venduti in supermercati, negozi e bancarelle di tutta Italia. Che vengano inviati i Nas nei negozi per garantire la salute dei cittadini“. I dentifrici sotto accusa, quasi tutti del marchio Colgate, provengono da paesi extra-europei e potrebbero risultare contaminati da batteri patogeni o sostanze chimiche, come il solvente industriale dietilenglicol, come si è verificato in Spagna e Canada. In attesa dei risultati gli esperti invitano ad evitare allarmismi: i pericoli per i soggetti normali sono limitati mentre sono più a rischio i soggetti immunodepressi.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox