25 Aprile 2020

I consumatori chiedono indagini su Rsa e ospedale

LE INIZIATIVE Un esposto, oltre l’ indagine già aperta dai Carabinieri. E’ quello presentato dall’ associazione Codici alla Procura con cui chiede di fare chiarezza su quanto sta avvenendo nella Rsa Bellosguardo, alla luce dei contagi e dei successivi decessiper Covid-19. «Riteniamo necessario – afferma l’ avvocato Ivano Giacomelli, segretario nazionale di Codici accertare se nella struttura sono stati rispettati i protocolli e le convenzioni per la cura delle infezioni da Covid-19 e se la Rsa era dotata di un efficace ed efficiente sistema di Risk management. Abbiamo chiesto inoltre alla Procura di acquisire le cartelle cliniche delle persone decedute per accertare le patologie di cui erano affette e le cure prestate per il Covid-19». Anche il Codacons ha presentao un esposto, anzi un doppio esposto alla Procura, chiedendo di aprire un’ indagine sul focolaio dell’ altra Rsa di Civitavecchia, Madonna del Rosario («Magari da estendere a Bellosguardo», aggiunge la responsabile regionale dell’ associazione, Sabrina De Paolis). In particolare si chiede ai magistrati di accertare se l’ istituto sia stato trasformato troppo presto «in struttura Covid-19 pur non essendo attrezzata come un ospedale». Un altro esposto il Codacons lo ha presentato sollecitando la Procura a indagare sul San Paolo e soprattutto in seguito alla «coraggiosa esternazione del dottor Marco Benedetti relativa alla mala gestio dell’ emergenza Covid all’ ospedale». © RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox