26 Marzo 2008

I conguagli Enel l`incubo dei consumatori fiorentini

Nel corso del 2007, sono in tanti ad aver ricevuto conguagli fino a 7mila euro, relativi agli ultimi tre o cinque anni. Difficile venirne a capo. “Purtroppo, per i cittadini è difficile far valere i propri diritti – spiega la presidente di Codacons Toscana, Silvia Bartolini – perché, quando sorge qualche problema, per grandi società come Enel, è facile mettere alle strette l`utente, che si vede sospendere il servizio. Per questo, alla fine, se le cifre non sono così importanti, il cittadino preferisce pagare quanto richiesto, magari rateizzando l`importo“. È la strada che, alla fine, è stata costretta a seguire una signora fiorentina, Silvia, che si è vista recapitare un conguaglio da 1.200 euro da Enel, relativo agli ultimi tre anni. “Ma, non avendo ricevuto a casa nessuno che mi leggesse il contatore – ha spiegato – ho aspettato a pagare e mi sono rivolta a Codacons“. Alla lettera dell`associazione dei consumatori, Enel – nonostante abbia l`obbligo di inviare un letturista almeno una volta l`anno – ha risposto che il conguaglio era dovuto e proponeva all`utente la rateizzazione dell`importo. Ma, dopo poco tempo, senza alcun preavviso, Silvia si è vista ridurre di colpo la potenza. “Non posso tenere nulla acceso“, spiega. “Non posso nemmeno utilizzare il boiler elettrico. Senza acqua calda, però, non posso stare, quindi mi tocca pagare“.I conguagli Enel l`incubo dei consumatori fiorentini

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox