22 Novembre 2020

I commercianti all’attacco «Black Friday da rinviare»

ALESSIA GUERRIERI Roma on molti negozi chiusi, l’e può rappresentare un’alternativa alla sopravvivenza di tante attività commerciali? La pensano così gli amanti del commercio on line che in questa fase di emergenza sanitaria hanno utilizzato sempre più questo strumento. Ma proprio mentre si discute di come ricalibrare le restrizioni anticontagio per salvare il giro d’affari del Natale nei negozi, c’è un tema che catalizza la discussione. non solo in Italia: il Black Friday. Il periodo di super sconti importato dagli Usa promette di far scintille – per il Codacons si attende una spesa di 2,5 miliardi (+27%) sborsati da circa 25 milioni di internauti, con una crescita del 47% rispetto al 2019 – ma le associazioni dei commercianti annunciano battaglia contro la concorrenza dell’e «C’è una distorsione gravissima sui mercati, siamo pronti a fare un appello all’Antirust La Confesercenti, inoltre, si appella al governo perché rinvii i giorni di vendite scontate dal 27 novembre al 4 dicembre, sperando per quel giorno in un allentamento delle restrizioni per il Covid. Amazon dal canto suo si difende e rilancia («Metà delle vendite Black Friday arriva dalle Pmi»), mentre Netcomm avvisa: frenare l’appuntamento di e- colpirebbe tutte le imprese. In Francia la questione è già ar- sia la grande distribuzione organizzata sia Amazon hanno accettato di posticipare la data del Black Friday al 4 dicembre, poco dopo la prevista riapertura dei negozi indipendenti. «Una soluzione a nostro avviso opportuna, che a tutte le forme di distribuzione una chance di competere per il Black Friday, ormai diventato uno degli eventi commerciali più importanti dell’anno sostiene Confesercenti.
sostiene Confesercenti. Una proposta che trova soC stenitori anche tra i politici con la capogruppo di Forza Italia alla Camera, Mariastella Gelmini, che chiede al governo di avviare una moral suasion con i giganti del web. Anche perché, «il Black friday a fine no- si tradurrà nell’ennesimo vantaggio per loro. Con metà Paese in zona rossa e i negozi chiusi, occorrerebbe spostare questo appuntamento». L’associazione dei commercianti poi chiede di intervenire per sanare le disparità con i colossi della vendita sul web e Amazon risponde a stretto giro di posta. «Sin dall’inizio della pandemia, abbiamo lavorato duramente per garantire la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti – sottolinea – supportando le 14mila piccole imprese italiane che vendono nel nostro negozio. Il Black Friday è un importante evento di vendita per le piccole imprese, conltre la metà di tutte le vendite annuali su Amazon provenienti dalle pmi». Così come arriva presto la replica di Netcomm, il digital hub italiano, per voce del suo presidente Roberto Liscia: «L’e e i grandi eventi di shopping online, come il Black Friday, sono già oggi un’opportunità per pmi e venditori italiani; porre un freno significa colpire ulteriormente le imprese italiane». Sulla vicenda interviene anche l’Unione consumatori, che trova la proposta di far slittare il “venerdì nero” «ridicola» e si chiede a che titolo venga fatto l’esposto all’Antitrust Mentre il Consiglio nazionale dei centri commerciali evidenzia «la preoccupante situazione in cui si trova l’Italia costretta a chiudere «senza però prevedere alcuna iniziativa volta a limitare la vendita di prodotti».
Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox