10 Febbraio 2012

I bergamaschi non hanno paura «Maldive? Sì, partiamo domani»

I bergamaschi non hanno paura «Maldive? Sì, partiamo domani» il golpe e i violenti disordini che agitano l’ arcipelago non spaventano
i turisti le agenzie: chi vi sta già trascorrendo le vacanze non si è
accorto di nulla.

 

La capitale della Maldive, Malè, è precipitata nel caos dopo il colpo di Stato dei giorni scorsi Emanuele Roncalli L’ ultimo paradiso terrestre rischia di diventare un inferno. E cresce la preoccupazione fra i turisti ? anche bergamaschi ? che si apprestano a prendere il volo per le Maldive. Il colpo di Stato, le violenze, la fuga dei famigliari dell’ ex presidente in Sri Lanka, il caos insomma che regna a Malè, la capitale, non fa dormire sonni tranquilli alle coppie di sposini che pensavano di trascorrere la luna di miele e un indimenticabile San Valentino in un luogo da sogno. A poco più di 48 ore dal golpe la situazione non è più la stessa, anche se il sindaco della capitale, Abdulla Sodig, secondo il quale i turisti sono in pericolo a Malè. Per contro le fonti diplomatiche sottolineano che non c’ è allarme nella comunità italiana e fra i turisti, alloggiati negli atolli. A rincuorare tutti Masood Imad, portavoce del neopresidente Mohamed Waheed Hassan, che assicura: «Non ci sono e non ci saranno problemi per i turisti, la situazione è calma». «Io e la mia ragazza partiamo domani da Milano, e te che fai?», scrive un internauta sul sito www.mondomaldive.it, che nelle ultime ore è stato preso d’ assalto. Il forum ospita un topic per conoscere i bergamaschi in procinto di partire per le isole. Scrive Ilaria C., da Bergamo: «Non ho alcun timore di partire e ciò in virtù del fatto che dall’ aeroporto internazionale non segnalano problematiche di alcun tipo e che nei resort è tutto tranquillo. Ritengo che se dovessero manifestarsi problemi il nostro ministero degli Esteri sconsiglierebbe le partenze». Anche Michela Carlessi e Alberto Brolis di Zanica hanno già il biglietto per Malè in tasca. «Dovremmo partire domenica prossima ? dicono ?, però ora siamo un po’ in apprensione per quanto sta accadendo e non possiamo escludere di dover rinunciare o di cambiare destinazione. Sentiremo l’ agenzia viaggi dove abbiamo prenotato la vacanza e ci terremo aggiornati con giornali e tv. È il nostro primo viaggio alle Maldive e francamente questo problema proprio non ci voleva». Dalla Turisberg, Clara Colombo segnala: «La prossima settimana abbiamo sei persone in partenza per le Maldive e finora nessuno ha rinunciato. Chiedono informazioni. La Farnesina non sconsiglia i viaggi laggiù e dalle notizie che abbiamo non ci dovrebbero essere problemi. In ogni caso la situazione sembra evolversi di ora in ora. Siamo in costante contatto anche con il console e riceviamo notizie di prima mano». «Aggiungo ? conclude Colombo ? che la prossima settimana a Bergamo torneranno dieci coppie nostre clienti ora alle Maldive. Le abbiamo contattate e non ci hanno riferito alcun problema di sicurezza o altro. Hanno saputo del golpe da sms di amici e famigliari». Chi decidesse di disdire il viaggio in quell’ area ha comunque diritto al rimborso integrale di quanto versato. Lo afferma il presidente del Codacons, Carlo Rienzi: «Il diritto alla paura è un elemento sufficiente a garantire all’ utente il rimborso integrale di quanto già versato per la vacanza o il diritto alla sostituzione del pacchetto con altro di eguale valore, senza spese a suo carico». Già, il diritto alla paura nell’ Eden in terra. Il mondo non è più lo stesso. 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox