12 Novembre 2001

I bambini a casa e alla materna i topi ballano

LA POLEMICA

I bambini a casa e alla materna i topi ballano

I bambini restano a casa. Le mamme si mordono le mani. E i topi ballano. Nella scuola materna di via Matteucci i topi ballano da tempo. Il Codacons ha presentato una denuncia. I genitori delle piccole creature si sono ribellati, hanno chiesto all?Asl una derattizzazione urgente che ancora aspettano e si preparano all?ennesima assemblea. Una brutta storia milanese. I topini che ci fanno tenerezza sono quelli che si industriano alla caccia di formaggio e che sfuggono a gatti maldestri e arcigni, ma sempre e solo di cartone. Quando scorrazzano nelle cucine, nei corridoi, nelle aule di una scuola di Milano la simpatia si riduce al lumicino. I topi, grandi o piccini, in una materna proprio non dovrebbero starci. I bambini hanno tutti i diritti, i topi nessuno. I bambini hanno il diritto alla mensa. Al sonnellino dopo il pranzo. E poi alla carta da disegno, alle matite, ai pennarelli, ai colori, ai libri, alle forbici per ritagliare uno spicchio di mondo e alla colla per ricomporlo, ai burattini per fantasticare, agli spazi per giocare. Alle aule pulite e tenute in ordine. La realtà, anche quella milanese beninteso, è però avara di matite, di pennarelli, di album da disegno, di fantasie. La realtà sono le tubature che fanno acqua, le fotocopiatrici che si inceppano sempre. Le pareti delle aule che sarebbero da tinteggiare. Le palestre trasformate in ripostigli. O, come in via Matteucci, i topi che si sono conquistati un improbabile diritto di cittadinanza. Per ridisegnare questa realtà non dovrebbero essere necessarie le proteste, gli striscioni di denuncia, la carta bollata. Invece i bambini restano a casa e i topi ballano.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox