17 Gennaio 2019

HAI STIPULATO UN FINANZIAMENTO AUTO TRA 2003 E 2017?

    Se anche tu, tra il 2003 e il 2017, hai stipulato un contratto di finanziamento per l’acquisto di un’autovettura con una delle società sanzionate dall’AGCM, agisci con il Codacons per vedere riconosciuto il tuo diritto a pagare il finanziamento senza interessi e a ottenere la restituzione degli interessi ingiustamente già pagati, nonché il risarcimento del danno morale.

     

    I FATTI

    Con provvedimento del 20 dicembre 2018 l’AGCM ha accertato che, nel periodo compreso tra giugno 2003 e aprile 2017, le società Banca PSA Italia S.p.A., Banque PSA Finance S.A., Santander Consumer Bank S.p.A., BMW Bank GmbH, BMW AG, Daimler AG, Merceds Benz Financial Services Italia S.p.A., FCA Bank S.p.A., FCA Italy S.p.A., CA Consumer Finance S.A., FCE Bank Plc., Ford Motor Company, General Motor Financial Italia S.p.A., General Motors Company, RCI Banque S.A., Renault S.A., Toyota Financial Services Plc., Toyota Motor Corporation, Volkswagen Bank GmbH, Volkswagen AG., nonché le associazioni di categoria Assofin ed Assilea, hanno posto in essere un cartello segreto, avente ad oggetto lo scambio di informazioni sensibili relative a quantità e prezzi, anche attuali e futuri, funzionale ad alterare le dinamiche concorrenziali nel mercato della vendita di automobili dei gruppi di appartenenza attraverso i finanziamenti erogati dalle rispettive captive banks.

    Le risultanze acquisite dall’AGCM anche con l’ausilio del Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza, hanno evidenziato, in particolare, che i contatti intervenuti tra le società, anche nell’ambito delle associazioni di categoria, sono stati posti in essere in maniera sistematica e sono stati finalizzati all’adozione di politiche commerciali non indipendenti e, per tale via, al raggiungimento di esiti di mercato differenti di quelli che si sarebbero avuti in assenza dell’intesa conclusa.

    La fattispecie è stata qualificata dall’AGCM come intesa hardcore, perché idonea a falsare sensibilmente il gioco della concorrenza sul mercato, in ragione del fatto che i soggetti coinvolti erano le captive banks dei principali gruppi automobilistici attivi in Italia, detentori di una quota di mercato prossima al 50%.

    Gli atti del procedimento hanno altresì consentito di accertare che le società coinvolte avrebbero agito nella piena consapevolezza della non liceità dello scambio informativo in corso.

    L’attività anticoncorrenziale messa in atto dagli operatori sanzionati, dunque, ha certamente avuto effetti diretti anche sulle tasche dei consumatori, i quali non solo sono stati privati della possibilità di compiere scelte consapevoli, avendo per anni ricevuto informazioni distorte, ma si sono visti applicare tassi di interesse più alti del dovuto, per via dell’illecito rialzo delle tariffe realizzato dal cartello, oggi sotto il mirino dell’Antitrust.

    Il Codacons, al fine di tutelare tutti i consumatori coinvolti e far definitivamente luce sulla vicenda, ha già presentato un esposto a 104 Procure della Repubblica, ipotizzando i reati di truffa aggravata ed aggiotaggio.

     

    L’INIZIATIVA CODACONS

    Il Codacons ha deciso ancora una volta di scendere in campo a tutela dei consumatori mettendo a disposizione di tutti coloro che hanno acquistato una automobile sottoscrivendo un finanziamento, dal il 2003 e il 2017, e che si assoceranno al CODACONS:

    1. una nomina di parte offesa nel procedimento penale richiesto dall’associazione con l’esposto presentato alle 104 Procure della Repubblica:
    2. una valutazione della loro posizione, per accertare la fattibilità dell’azione civile presso una delle tre sedi specializzate nell’antitrust (Milano, Roma e Napoli).

    Il Codacons, infatti, sta valutando la possibilità di agire in sede civile per chiedere alle sedi specializzate del Tribunale di accertare e dichiarare la nullità delle clausole relative agli interessi sui contratti di finanziamento coinvolti nel cartello, al fine di ottenere una sentenza dichiarativa del diritto dei consumatori alla:

    • restituzione degli interessi pagati e il diritto a non dover pagare null’altro a titolo di interessi fino al termine del finanziamento.

    L’iniziativa del Codacons, è volta inoltre nell’ipotesi in cui si arrivi ad un rinvio a giudizio a domandare a favore dei consumatori anche il danno morale da reato da aggiungersi come cifra da recuperare nei confronti i delle società finanziarie o istituti di credito che hanno concesso il prestito per l’acquisto delle auto.

     

    PER ADERIRE

    L’iscrizione all’Associazione e l’adesione all’azione hanno un costo di 50 euro.

    Potrà aderire chi ha stipulato un contratto di finanziamento con Banca PSA Italia S.p.A., Banque PSA Finance S.A., Santander Consumer Bank S.p.A., BMW Bank GmbH, BMW AG, Daimler AG, Merceds Benz Financial Services Italia S.p.A., FCA Bank S.p.A., FCA Italy S.p.A., CA Consumer Finance S.A., FCE Bank Plc., Ford Motor Company, General Motor Financial Italia S.p.A., General Motors Company, RCI Banque S.A., Renault S.A., Toyota Financial Services Plc., Toyota Motor Corporation, Volkswagen Bank GmbH, Volkswagen AG per l’acquisto di una autovettura nei periodi riportati nella seguente tabella:

    Società

    Periodo di partecipazione al cartello

    Data inizio

    Data fine

    Banca PSA Italia

    01.01.2016

    03.04.2017

    Banque PSA Finance

    31.08.2003

    31.12.2015

    Santander Consumer Bank

    01.01.2016

    03.04.2017

    Banque PSA Finance (in qualità di madre di Banca PSA Italia)

    01.01.2016

    03.04.2017

    BMW Bank

    17.06.2003

    05.07.2016

    BMW

    17.06.2003

    05.07.2016

    FCA Bank

    17.06.2003

    03.04.2017

    FCA Italy

    28.12.2006

    03.04.2017

    CA Consumer Finance

    28.12.2006

    03.04.2017

    FCE Bank

    17.06.2003

    03.04.2017

    Ford MC

    17.06.2003

    03.04.2017

    GMF

    17.06.2003

    08.05.2014

    GM Company

    01.04.2013

    08.05.2014

    Mercedes FS

    17.06.2003

    21.10.2016

    Daimler

    17.06.2003

    21.10.2016

    RCI Banque

    17.06.2003

    03.04.2017

    Renault

    17.06.2003

    03.04.2017

    TFS

    17.06.2003

    03.04.2017

    TMC

    17.06.2003

    03.04.2017

    Volkswagen Bank

    17.06.2003

    03.04.2017

    Volkswagen

    17.06.2003

    03.04.2017

    N.B. Nel corso degli anni alcune società hanno subito delle trasformazioni e/o mutamenti che hanno comportato la modifica del nome. Potrà quindi aderire anche chi ha stipulato, nei periodi considerati, il contratto di finanziamento con una società successivamente confluita in una di quelle riportate nella tabella.

    Con l’iscrizione riceverai la nomina di parte offesa e verrai ricontattato – previo invio al Codacons, con le modalità che ti saranno indicate all’iscrizione, di copia del tuo contratto di acquisto dell’automobile e finanziamento – per la valutazione della tua posizione ai fini della fattibilità di una eventuale azione civile per la dichiarazione di nullità degli interessi che ti sono stati applicati, alle condizioni che ti verranno comunicate.

    Per iscriverti all’Associazione e aderire all’azione scarica la modulistica necessaria cliccando qui.

    Compilando il form riceverai un’email con l’indicazione dei documenti necessari per la valutazione della tua posizione ai fini della fattibilità di un’iniziativa collettiva.

        Previous Next
        Close
        Test Caption
        Test Description goes like this
        WordPress Lightbox