fbpx
15 Ottobre 2019

Guerra del latte, scattano le denunce

 

Diffamazione, calunnia, istigazione a delinquere e violenza privata. Sono queste le accuse mosse dall’ indagine della Procura di Oristano contro i vertici nazionale regionale di Coldiretti Ettore Prandini e Battista Cualbu e il presidente Codacons, Carlo Rienzi. A darne per primo notizia è stato ieri proprio quest’ ultimo che ha spiegato come il lavoro degli inquirenti sia partito a seguito della denuncia presentata dal presidente del Consorzio del pecorino romano, Salvatore Palitta, dopo le dichiarazioni sul prezzo del latte rilasciate in interviste e comunicati stampa dai responsabili delle due associazioni. «La vicenda nasce da un nostro esposto presentato all’ Antitrust nel quale si riportava la denuncia di Coldiretti Sardegna sui prezzi del latte pagati agli allevatori sardi», conferma l’ associazione. «Siamo stati denunciati solo per aver fatto il nostro dovere, ossia difendere i pastori sardi le cui sacrosante rivendicazioni interessano in modo diretto i consumatori». La difesa «Attendiamo sereni l’ eventuale notifica, consapevoli del fatto che il presidente e la Coldiretti abbiano sempre agito in difesa dei pastori e di tutta la filiera lattiero casearia», si legge in una nota del direttivo regionale di Coldiretti. «Lo abbiamo fatto sempre in trasparenza, valore per noi fondamentale, e con decisione, perché ai pastori sia riconosciuto un prezzo equo del latte e allo stesso tempo sia valorizzata tutta la filiera in modo inclusivo e appunto trasparente. L’ obiettivo rimane sempre quello per cui ci stiamo battendo: una filiera trasparente con un’ equa remunerazione del prezzo del latte ai pastori. Tutte le altre cose, querele comprese, non ci distolgono dal suo perseguimento». La replica I legali del Consorzio precisano però che l’ inchiesta «non c’ entra con la vertenza sul prezzo del latte. La denuncia è infatti scattata perché Coldiretti e Codacons hanno pubblicamente e ripetutamente messo in dubbio l’ autenticità del prodotto pecorino romano, fornendo informazioni false e insinuando che l’ approvvigionamento del latte avvenisse dall’ estero ai danni dei pastori sardi e dell’ intera economia regionale». Affermazioni pesanti, tali da aver innescato una contromossa del Codacons, dal quale è partita una denuncia per calunnia verso il presidente Palitta. (l. m.)

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox