15 Agosto 2013

Guasti, disagi e incidenti nei cieli della Penisola Il Codacons all’ attacco

Guasti, disagi e incidenti nei cieli della Penisola Il Codacons all’ attacco

? MILANO ? L’ INCIDENTE di Malpensa di lunedì, che ha coinvolto un Airbus 320 della compagnia britannica EasyJet, scatena le prime risposte da parte delle associazioni di consumatori. Il Codacons, in una nota ufficiale, ha comunicato di aver diffidato l’ Enac (Ente nazionale per l’ aviazione civile) affinché «siano effettuati controlli a tappeto su tutti i velivoli in partenza dagli aeroporti italiani, a cominciare da quelli delle compagnie low cost». Pronto anche un esposto alla Procura per «sapere se esistano profili penalmente rilevanti». UNA NUOVA BATTAGLIA , sul fronte dei trasporti aerei, da parte dell’ associazione. Dodici mesi fa, infatti, si era verificato il caso Wind Jet, con migliaia di viaggiatori costretti a terra e successivo ricorso al Tar del Lazio contro Enac da parte di 5.527 utenti. In seguito, nel mese di gennaio, una diffida all’ ente dell’ aviazione per sospendere la vendita dei biglietti della compagnia Meridiana Fly che, secondo il Codacons, si trovava in crisi di liquidità. Infine l’ incidente del volo Alitalia-Carpatair, uscito di pista a Fiumicino il 2 febbraio scorso. In quella occasione Codacons presentò un esposto per l’ assenza di sufficienti informazioni sui voli appaltati da Alitalia ad altre compagnie. Preoccupa anche l’ annus horribilis di EasyJet: a settembre una crepa sul vetro del cruscotto, a ottobre un uccello nel motore, problemi a un finestrino a maggio e lunedì scorso la spaccatura di alcune parti dell’ ala. «Abbiamo l’ impressione ? fanno sapere dall’ associazione dei consumatori ? che la crisi economica si sia tradotta in un minor numero di controlli di manutenzione. Questo, per fortuna, non comporta sempre grandi danni. Provoca però dei guasti frequenti che causano disagi ai passeggeri». «Non è certo una cosa normale perdere i pezzi da un aereo ? continuano ?. Vogliamo sapere quando era stato effettuato l’ ultimo controllo. Partiremo da questo episodio, poi spingeremo affinché tutte le compagnie low cost siano controllate con grande accortezza». I passeggeri hanno dei diritti, anche in casi come quello di Malpensa dove non ci sono stati danni fisici alle persone. «Esiste una prima compensazione pecuniaria, che non esclude però un risarcimento maggiore legato agli aspetti emotivi dell’ episodio: in questo caso il terrore nel vedere volare una parte dell’ aereo su cui si sta viaggiando», concludono dall’ associazione. Emanuele Alberti.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox