10 Marzo 2011

Greggio e benzina record Romani convoca i tecnici

Greggio e benzina record Romani convoca i tecnici
 

I prezzi della benzina restano a livelli record, mentre anche il petrolio non accenna a intraprendere la strada di una decisa ridiscesa sotto i cento dollari. La crisi libica continua a pesare sui listini. Secondo la consueta analisi di «Staffetta Quotidiana», sul mercato nazionale i prezzi della Verde si sono allineati al rialzo verso il record di 1,578 euro al litro, con gli ultimi movimenti di Q8 (più un centesimo al litro) e TotalErg (più 0,7 cent). Al Sud, ancora una volta, i prezzi sono più alti, con la benzina in Campania a 1,616 euro e il gasolio in Sicilia a 1,497 euro. Rincari senza sosta che spingono consumatori e sindacati a continuare il loro pressing per un rapido intervento fiscale, visto che il peso di Iva e accise sul prezzo finale dei carburanti si aggira tra il 50 e il 60%. Alla Cisl, già scesa in campo più volte anche direttamente per bocca del segretario generale Raffaele Bonanni, ieri si è aggiunta anche la Uil, mentre il Codacons promette una «marcia» di protesta da organizzare a Roma. Le richieste non restano però del tutto inascoltate. A schierarsi a favore di un taglio delle accise è infatti anche Mister Prezzi, Roberto Sambuco, mentre domani, presso il dicastero di via Veneto, si terrà la riunione della Commissione tecnica di valutazione delle dinamiche dei prezzi dei carburanti, istituita lo scorso gennaio dal ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani. Intanto ieri il Brent ha guadagnato oltre il 2%, salendo a grandi passi sopra i 115 dollari, mentre a New York il Wti ha, prima, oltrepassato la quota di 105 dollari il barile per poi chiudere a 104, 37 dollari.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this