7 Luglio 2016

Gratta e vinci, arrivano i furbetti del ricorso

Gratta e vinci, arrivano i furbetti del ricorso 
nel salernitano un
gruppo di giocatori incassa i premi quando vince. ma se va male ricorre
al giudice di pace. contestando una presunta illegittimità dei
tagliandi.

Comprano biglietti del «Gratta e vinci» e se sono fortunati si presentano a incassare i premi, come qualsiasi giocatore. Fin qui tutto normale. Ma se va male bussano compatti alla porta del giudice di pace e chiedono di farsi restituire la spesa. È la strategia, la morale doppia adottata da alcuni utenti concentrati nell’area di Salerno, che hanno contestato la legittimità dei tagliandi da loro acquistati perché non indicherebbero le probabilità di vincita, infrangendo quanto previsto dal «decreto Balduzzi» che dal 2013 disciplina la materia. Assieme a una decina di altri consumatori che, perlomeno, non avendo mai vinto, erano tutto sommato in buona fede, i giocatori dalla doppia morale, sostenuti anche dal Codacons della Campania, si sono visti accordare rimborsi complessivi per una cifra che si aggira intorno agli 8 mila euro. Peccato che il comma 5 dell’articolo 7 dello stesso decreto consenta di pubblicare sulla schedina, anziché la griglia delle probabilità, un semplice rimando ai siti internet dei monopoli di Stato e del concessionario della lotteria quando lo spazio sul tagliando non è sufficiente per contenere quelle informazioni. Esiste dunque sempre un modo non tortuoso, accessibile a chiunque, per conoscere quale siano le effettive possibilità di incassare. Soprattutto è una storia vecchia, che ancora una volta si ripete con curiosa puntualità: da quasi dieci anni nel Salernitano si registrano piogge di citazioni contro varie multinazionali per ottenere risarcimenti di ogni tipo. A presentarli è un esercito di professionisti del ricorso cui si aggiungono ora questi strenui difensori della regolarità dei biglietti. O meglio, guarda caso, solo di quelli non vincenti
marco morello
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox