20 Gennaio 2009

Grande fratello Non vedente nella casa, il Codacons protesta

  ROMAÈ entrato ieri sera, come previsto, nella seconda puntata del "Grande fratello" su Canale 5, Gerry Longo, non vedente, il primo disabile a entrare in un reality tv.  Il Codacons è tornato ieri a protestare per quella che ritiene una spettacolarizzazione.  «Ribadiamo la nostra contrarietà all’ingresso del concorrente spiega il presidente Codacons, Carlo Rienzi perché siamo contrari alla spettacolarizzazione della disabilità. Crediamo che sbattere un cieco nella casa del "Grande fratello" non porti alcun vantaggio alla categoria dei non vedenti, e rappresenti solo un mezzo per alzare l’audience, nella spasmodica ricerca di situazioni sempre più al limite in grado di garantire ascolti elevati».  Il Codacons prosegue quindi si legge nella nota nel boicottaggio del "Grande fratello". Secondo la redazione del GF9 Longo, 31enne originario della Locride, un giovane dalla forte personalità, ha fatto della sua disabilità il suo punto di forza e partecipa al programma «per sfidare i limiti e per dimostrare che le diversità esistono, ma che la volontà pareggia i conti». Va anche ricordato che nel mondo dello spettacolo e della musica, in particolare, esemplari sono le carriere artistiche di non vedenti come Andrea Bocelli o Annalisa Minetti.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this