22 Novembre 2006

Giudizi fortemente contrastanti, ma il Codacons approva

Giudizi fortemente contrastanti, ma il Codacons approva

Un ottimo lavoro o una vergogna? Il mondo politico sulle barricate





ROMA ? Una bufera. La fiction Il padre delle spose, in onda lunedì sera su Rai Uno, ha scatenato (prevedibili) code velenose. Favorevoli e contrari al tema della omossessualità non si sono risparmiati. E c?è stato pure il colpo basso: gli hacker hanno oscurato il sito internet www.culturacattolica.it che contestava le nozze fra lesbiche della fiction tv. Ha detto il responsabile del notiziario on-line, don Gabriele Mangiarotti: «E? una plateale, gravissima manifestazione di intolleranza oscurantista; un inaccettabile attacco alla democrazia e alla libertà di espressione». Ma vediamo le altre voci. lMario Landolfi (Presidente della Commissione di Vigilanza della Rai) ? «Il servizio pubblico radiotelevisivo non può esimersi dal trattare temi controversi, ivi compreso quello della omosessualità. Nessuno però obbliga la Rai a sposare acriticamente la tesi zapaterista, cioè a presentare il matrimonio tra persone dello stesso sesso e la loro possibilità di adottare bambini come un ampliamento naturale della sfera dei diritti individuali». lAurelio Mancuso (Segretario nazionale Arcigay) ? «L?ottimo risultato di ascolti ottenuto dalla fiction è la migliore risposta alle campagne ingaggiate dal Moige e dalla senatrice Binetti. E? un buon segnale che dice molto di più di tante analisi sociologiche sulla società italiana e sul suo grado di modernità e di maturità. Ringraziamo Banfi e sua figlia, il cast e Rai Uno che si è dimostrata una volta tanto pluralista e coraggiosa». lFabrizio Del Noce (Direttore Rai Uno) ? «Sono temi che esistono nella società, è giusto trattarli. Nel film non c?era nessuna volgarità». lGiovani Udc ? «La Rai con questa fiction ha abdicato al ruolo di servizio pubblico. Ci domandiamo se sia opportuno che un servizio pagato dai contribuenti faccia propaganda a modelli sociali contrari alla nostra tradizione e cultura». lFranco Grillini (deputato dell?Ulivo) ? «Dopo il trionfo di questa fiction di Banfi, la Rai dedichi un canale digitale ai gay». lFranco Giordano (Segretario del Prc) ? «E? stato un grande successo. E? questa la dimostrazione che quando si affrontano temi della vita reale, sentimenti veri, superando tutti gli stereotipi e i pregiudizi, si incontra consenso e l?attenzione della società». lCodacons ? Ha salvato la fiction di Banfi. Secondo una propria ricerca questi sono i programmi peggiori: 1) Buona Domenica (Canale5); 2) Uomini e Donne (Canale 5); Isola dei famosi 4 (Rai Due); 4) Anno zero (Rai Due);5) Domenica In (Rai Uno);6) La vita in diretta (Rai Uno);7) Beautiful (Canale 5);8) Porta a Porta (Rai Uno);9) Mercante in fiera (Italia 1); 10) Affari tuoi (Rai Uno). lOGGI contro la tv di bassa qualità fatta di parolacce, risse, bestemmie e tette al vento, il Codacons (con Adusbef e Contribuenti.it) ha indetto una giornata di protesta. Televisori spenti per almeno un?ora nella fascia dalle 14 alle 18.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox