7 giugno 2017

Il giudice ammette più di 600 parti civili Ma si aspetta ancora il rinvio a giudizio

ieri sfilata di avvocati dal gup. gli accusati sono 14 ex dirigenti della carisp
di PAOLO MORELLI SONO circa 650 gli azionisti della Cassa di Risparmio di Cesena che sono stati ammessi a partecipare come parti civili all’ udienza preliminare del procedimento contro i vertici della banca che approntarono e approvarono il bilancio relativo all’ esercizio 2012, ritenuto non corretto dalla Banca d’ Italia che inviò una segnalazione alla Procura della Repubblica di Forlì. Su quella base è stata aperta un’ inchiesta, condotta dal procuratore della Repubblica Sergio Sottani e dalla sostituta Francesca Rago, che è sfociata nella richiesta di rinvio a giudizio per 14 persone, accusate di false comunicazioni sociali e ostacolo agli organi di vigilanza: Germano Lucchi, ex presidente; Atos Billi, ex vice presidente; Enrico Bocchini, Giovanni Maria Boldrini, Francesco Carugati, Pier Angelo Giannessi, Tino Montalti, Mario Riciputi e Giovanni Tampieri, ex membri del consiglio d’ amministrazione; Vincenzo Minzoni e Luigi Zacchini, ex membri del collegio sindacale; Adriano Gentili, ex direttore generale; Dino Collinucci, ex vice direttore generale, e dell’ attuale presidente Carmine Lamanda come legale rappresentante della banca. L’ ESAME della richiesta di rinvio a giudizio è iniziata ieri da parte del giudice dell’ udienza preliminare Luisa Del Bianco che ha messo in preventivo di impiegare ben sei giorni d’ udienza per arrivare alla conclusione. La prima giornata è stata dedicata alle costituzioni di parte civili: la discussione è andata avanti per un paio d’ ore, poi la giudice s’ è ritirata e verso le 17 ha comunicato la decisione: tutti coloro che hanno presentato richiesta di costituirsi parte civile, compresa la Fondazione della Cassa di Risparmio e della Banca del Monte di Lugo, difesa dall’ avvocato Lorenzo Casalboni di Cesena, sono stati ammessi nei confronti delle 13 persone fisiche indagate, ma non nei confronti della Carisp, il cui presidente e legale rappresentante Carmine Lamanda è difeso dall’ avvocato Alessandro Melchionda di Bologna. LA PARTE del leone la fanno il Comitato difesa risparmiatori della Cassa di Risparmio, aggregato all’ Adusbef (con gli avvocati Vincenzo Bellitti e Grazia Angelucci), e il Codacons (con l’ avvocato Bruno Barbieri, persidente regionale dell’ associazione), che in totale raggruppano circa 600 risparmiatori. Ma ci sono alcuni gruppetti di azionisti che hanno preferito andare avanti per conto proprio affidandosi agli avvocati Pacilio, Betti, Zoli, Ferrini, Mastrocinque, Capri e Mazzini. LE PROSSIME giornate dell’ udienza preliminare, nelle quali si enterà nel vivo della richiesta di rinvio a giudizio, sono state messe in calendario venerdì prossimo, 9 giugno, e poi sempre in giugno martedì 20, mercoledì 21, lunedì 26 e martedì 27.
paolo morelli