19 Novembre 2017

Gioco d’ azzardo, chiuse tredici agenzie clandestine

0un internet-poi Epidemia da gioco d’ azzardo. «Sintomatica» la presenza di ben tredici agenzie di scommesse illegali, aperte in tutto il territorio cittadino – da Librino a Ne sima, passando per Zia Lisa, Picanello e San Cristoforo – e in provincia: a Misterbianco e Gravina, San Gregorio, Aci Catena e Aci Castello. Le «trappole per ludopatici» sono state scoperte nei giorni scorsi dalla Guardia di finanza, che ha denunciato i gestori delle sale per esercizio abusivo di pubbliche scommesse sportive: «Per questo reato è pre vista la pena della reclusione da 6 mesi a 3 anni», sottolineano gli investigatori. L’ operazione ha consentito il sequestro di oltre 80 apparati elettronici: personal computer, modem, monitor, lettori ottici, Tv. Identificati oltre 70 «clienti», alcuni con precedenti penali, e tre minori. Tra i ritrovi più frequentati, un internet-point che svolgeva una… doppia attività: «Pur essendo affiliato a un allibratore legale autorizzato – affermano i finanzieri – accettava parallelamente scommesse su un sito illegale utilizzando conti che non erano intestati ai clienti, ma appartenevano ai titolari della sala”. Altri controlli, invece, hanno consentito di individuare punti -scommesse del tutto abusivi, collegati a siti di allibratori esteri e privi di concessione statale: “Erano nascosti all’ interno di cartolerie e bar”, dicono i militari. In una nota diffusa ieri, peraltro, le Fiamme Gialle hanno segnalato come “l’ attività di raccolta delle scommesse rappresenti un settore di particolare attenzione per la Guardia di Finanza sia per il danno che provoca all’ Erario e agli operatori regolari, sia perché numerose indagini di polizia giudiziaria svolte dai nostri reparti hanno dimostrato che può essere sfruttato per finalità di riciclaggio di denaro da parte della criminalità organizzata”. Al di là delle agenzie -fantasma, resta l’ emergenza da “Disturbo del Gioco d’ Azzardo”. Un fenomeno tanto diffuso da avere spinto recentemente l’ associazione consumatori Codacons all’ apertura di uno Sportello Ludopatie nella sede cittadina di via Musumeci 171. “Contro questa piaga del gioco d’ azzardo e per fornire un aiuto concreto ai giocatori – ha spiegato Francesco Tanasi, segretario del Codacons – abbiamo realizzato un’ iniziativa che si inserisce nell’ ambito del progetto “Attenti al gioco!”, avviato dalla nostra associazione in collaborazione con la S.I.I.PA.C., la Società Italiana di Intervento sulle Patologie Compulsive, e insieme al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali”. E ancora: “Il nostro Sportello ha il compito non solo di fornire informazioni, assistenza e supporto ai giocatori problematici e ai loro familiari, ma anche di suggerire strutture in grado di aiutare i soggetti malati a uscire da questa dipendenza”. L’ Azienda sanitaria provinciale, infine, è presente in tutto il territorio con dieci Unità operati ve “Sert” che dipendono dall’ Unità “Dipendenze Patologiche”. Compito principale è assicurare “al miglior livello possibile gli interventi di prevenzione e cura delle dipendenze da sostanze legali e illegali, ma anche quelle da gioco d’ azzardo, shopping compulsivo, disturbi del comportamento alimentare e sessuale”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox