21 Ottobre 2017

Giochi d’ ombre: Tar blocca i fondi per la ludopatia

sì al ricorso del codacons: 50 milioni affidati dalle regioni in modo opaco
L’ intenzione era delle più nobili: finanziare coi soldi del ministero della Salute alcuni piani regionali per contrastare il gioco d’ azzardo. Il problema, come al solito, stava nel metodo: bandi poco trasparenti, associazioni con palesi conflitti di interessi e milioni di euro sperperati in modo discutibile. Ieri mattina il Tar del Lazio, con una sentenza che ha accolto un ricorso presentato dal Codacons, l’ associazione in difesa dei consumatori, ha bloccato tutto, annullando il provvedimento con cui il ministero aveva approvato i piani delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano, ovvero le proposte in merito al contrasto del gioco d’ azzardo. Non solo: il Tar ha disposto anche il blocco all’ erogazione dei fondi pubblici, circa 50 milioni di euro stanziati dalla Legge di stabilità 2015 che si sarebbero dovuti ripartire tra le regioni a seconda dei progetti presentati. Nei piani del ministero, all’ adozione del decreto sarebbe dovuto nascere un “Osservatorio per il contrasto della diffusione del gioco d’ azzardo e il fenomeno della dipendenza grave” che, insieme al dicastero, avrebbe dovuto valutare i piani delle Regioni e delle Province autonome e dare il via libera ai fondi. Le cose sono andate in maniera decisamente diversa (come anticipato dal Fatto mercoledì scorso). All’ Osservatorio, di cui fa parte il Codacons, arriva ad aprile scorso un misero plico di tre pagine con scritto che il ministero approva, Regione per Regione, i piani proposti, senza specificare né i progetti messi in campo né a quali associazioni le Regioni avrebbero affidato i soldi. Il Codacons decide allora di andare in fondo alla vicenda. Scopre che, per esempio, una delle società scelte per ricevere i soldi dal ministero in Toscana è l’ Acli, Associazioni cristiane lavoratori italiani, ente di nobilissimi intenti che però, secondo il Codacons, non ha esperienza nella lotta alla ludopatia. O, ancora, scopre che la Campania aveva stabilito un contributo di 900 mila euro già solo per il coordinamento dei progetti. Per non parlare, dicono in Codacons, dei soldi “ad associazioni legate ai singoli consiglieri o di cui i consiglieri stessi facevano parte”. E per fortuna che, poco prima, il Tar aveva escluso dall’ Osservatorio Federserd, un’ associazione che ha partnership aperte con Lottomatica e Sisal, due colossi delle scommesse sportive, messa lì dal ministero a vagliare i progetti contro la ludopatia. Un conflitto di interessi evidente, che aveva costretto il ministero a fare marcia indietro ed escludere Federserd dall’ Osservatorio. Altrettanto chiaro era che la valutazione dei piani non poteva essere così oscura, tanto che Codacons da mesi aveva chiesto al ministero di rimediare all’ errore, prima del giudizio del Tar. Un pasticcio da milioni di euro, mentre la lotta alla ludopatia resta al palo e in anni di finanziamenti a pioggia non si hanno ancora dati certi sul numero dei giocatori patologici. La sentenza riporta tutto indietro: le Regioni dovranno presentare nuovi piani, questa volta, si spera, vagliati a dovere dall’ Osservatorio.
lorenzo giarelli

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox