25 Giugno 2015

Giochi 2024, via libera (con 38 voti) dell’assemblea capitolina

Giochi 2024, via libera (con 38 voti) dell’assemblea capitolina
Approvata la mozione sulla candidatura alle Olimpiadi. Sei i voti contrari

di Lavinia Di Gianvito Con 38 voti favorevoli, sei contrari e nessun astenuto il consiglio comunale di Roma ha approvato, tra gli applausi, la mozione per la candidatura della città alle Olimpiadi 2024. Il risultato, atteso, puntella la traballante poltrona di Ignazio Marino: sfiduciare un sindaco in corsa per i Giochi, è il suo ragionamento, sarebbe forse troppo anche per il premier Matteo Renzi. La gara infatti ancora non è vinta e l’esito non è affatto certo: Parigi, Budapest, Amburgo, e Boston sono concorrenti temibili e agguerriti. Soprattutto la capitale francese, che ha già investito cifre colossali e che ha ospitato per l’ultima volta i Giochi un secolo prima di quelli ora contesi, nel 1924.

Il testo della mozione

Prima del voto il consiglio comunale ha unificato la mozione di maggioranza e quella di Fratelli d’Italia. Ecco il testo che ha avuto il via libera: «L’assemblea capitolina sostiene e promuove la presentazione della candidatura di Roma ai XXXIII Giochi Olimpici e ai XVII Giochi paralimpici del 2024 ed impegna il sindaco a presentare formalmente la candidatura e a rappresentare Roma nel complesso percorso che la candidatura comporta, secondo quanto previsto dalle procedure Cio».

I favorevoli

Tra i 38 voti favorevoli, dieci sono arrivati dall’opposizione: si tratta di Gianni Alemanno (Apn), Sveva Belviso (Altra destra), Davide Bordoni e Dario Rossin (Fi), Alessandro Cochi (Pdl), Ignazio Cozzoli (Apn), Gigi De Palo (Cxr), Mino Dinoi (Movimento cantiere Italia), Fabrizio Ghera e Lavinia Mennuni (Fdi). In realtà la mozione ha avuto anche un 39° sì, quello di Roberto Cantiani (Ncd), ma il suo voto non è stato registrato dal sistema elettronico.

Il no di Salvini

I no alla candidatura sono arrivati dai consiglieri che avevano già annunciato la propria contrarietà. Oltre al radicale Riccardo Magi, l’unico della maggioranza, hanno bocciato la mozione i quattro consiglieri grillini (Marcello De Vito, Daniele Frongia, Virginia Raggi ed Enrico Stefano) e Marco Pomarici di Noi con Salvini. Il leader leghista infatti resta irremovibile: il suo è un «no assoluto». Per il leader del Carroccio la corsa per le Olimpiadi è «una scelta folle»: «Pensassero a riparare le buche delle strade», è il suo messaggio alla giunta guidata da Marino.

Le scuse di Marino

Ma Marino è felice e vittorioso, come da giorni non gli capitava. «È una sfida straordinaria – esulta -. Roma, la nostra capitale, la saprà cogliere nella trasparenza e nella legalità che questa amministrazione ha dimostrato di saper utilizzare». Poi il sindaco coglie l’occasione per fare ammenda di quella brutta frase gridata dal palco della festa dell’Unità: «La destra torni nelle fogne da cui è venuta». «Ai consiglieri Mennuni e Ghera – promette adesso – dico che quella espressione non la udiranno mai più dalla mia voce, perché se nella nostra città c’è del male, c’è anche tanto bene nella destra e nella sinistra».

Ricorso al Tar

Eppure la corsa appena iniziata rischia già di arenarsi in tribunale. L’iniziativa è del Codacons, che annuncia «un ricorso al Tar del Lazio per ottenere l’annullamento della mozione». L’associazione ricorda «che aveva diffidato nei giorni scorsi i consiglieri a non approvare la candidatura, in attesa della decisione del prefetto su Mafia Capitale». Decisione che però arriverà soltanto alla fine di luglio: troppo tardi per attendere la pronuncia dell’assemblea capitolina.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox