20 Febbraio 2011

Giù il sipario, Luca e Paolo mattatori

Giù il sipario, Luca e Paolo mattatori
 

SANREMO – Il giudizio della critica è netto: a lasciare il segno più profondo sul palco del teatro Ariston è stato uno storico esponente della canzone d’ autore, il milanese Roberto Vecchioni . Incassato il premio degli addetti ai lavori per la sua «Chiamami ancora amore» , il professore si è preparato a una serata ad alta tensione, preceduta però da un piccolo incidente organizzativo, quando nella conferenza stampa pomeridiana un consulente si è lasciato sfuggire un’ informazione che doveva rimanere riservata. «Al momento – ha detto – Vecchioni è primo in classifica», svelando così i risultati parziali del televoto. Incredulità e stizza del direttore artistico Gianmarco Mazzi, mentre Gianni Morandi ha abbandonato la sala lasciandosi sfuggire un «vaffa». Di fronte alle proteste del Codacons, Rai e Agcom hanno escluso ogni rischio per il risultato finale, dato che le classifiche vengono azzerate prima di ogni serata. Vecchioni, le cui quotazioni nelle scommesse erano precipitate dopo la rivelazione, aveva reagito con serenità: «Non penso che questo mi abbia danneggiato, in ogni modo mi fa piacere sapere di essere stato primo nel televoto di venerdì». A sfidare Vecchioni nella finale di ieri erano rimasti Luca Madonia con Franco Battiato («L’ alieno»), Al Bano («Amanda è libera»), Nathalie («Vivo sospesa»), Emma e i Modà (Arriverà»), Davide Van De Sfroos («Yaneza»), Giusy Ferreri («Il mare immenso»), Anna Tatangelo («Bastardo»), La Crus («Io confesso»), Luca Barbarossa e Raquel Del Rosario («Fino in fondo»). Il risultato era atteso solo a notte fonda. Anche ieri Luca e Paolo hanno conquistato subito la scena: «Grazie Belen , per la tua grinta ,che tu sia incinta oppure no. Dillo a Corona, non sei solo bona, ma una scienziata in confronto a lui». E poi la Canalis : «Elisabetti certi balletti, no non farli più e se potrai al prossimo giro con Robert De Niro non ci parlar». Ieri sul palco è salito brevemente anche il ferrarista Fernando Alonso, marito di Raquel del Rosario in gara con Barbarossa. Super-ospite musicale è stata Avril Lavigne che annunciava il nuovo disco «Goodbye Lullaby». Da Luca e Paolo, inoltre, ancora satira politica: «Se Berlusconi non ha ancora telefonato vuol dire che il festival gli è piaciuto: mi chiedo dove abbiamo sbagliato. In realtà le ragioni per cui non ha telefonato sono altre: al festival c’ è un via via di politici, come ad Arcore; i giornali stanno sempre a sfruculiare, come ad Arcore; le personalità straniere vengono messe in imbarazzo da domande incomprensibili, come ad Arcore; si canta, come ad Arcore; al casinò c’ è Emilio Fede che gioca, come ad Arcore; c’ è uno che è vecchio e che pure se non fa il suo mestiere e dice cagate piace al 50% degli italiani. Piergianni, hai fatto il festival di Arcore!». Più tardi, dai due attori anche un lungo sketch che canzonava la sinistra in crisi d’ identità. A proposito di politica, c’ è stata una coda della protesta per l’ esclusione di «Bella ciao» dai brani eseguiti nella serata sull’ unità d’ Italia. Ieri davanti all’ «Ariston» qualche decina di dimostranti ha intonato lo storico canto partigiano. «Sono contento che la canteranno fuori. Se passo di lì la canto anch’ io», ha commentato Morandi.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox