10 Agosto 2020

Gestione case di riposo «Ora l’ accesso agli atti»

I comitati dei familiari delle vittime Covid e il Codacons Emilia Romagna sono scesi sul sentiero di guerra sul tema della gestione di Rsa e Casa di riposo locali. «Appare sempre più chiaro che non tutte queste strutture si sono trasformate, nei mesi scorsi, in luoghi di contagio e di morte. In diverse strutture sparse sul territorio regionale, non solo non si sono registrati decessi – scrivono comitati e associazione consumatori – ma neppure dei casi di contagio, dimostrando così che il contagio e la morte non erano fatti ineludibili per chi era ricoverato in dette strutture». L’ obiettivo comune è «fare chiarezza su quanto accaduto» ma tale sforzo «è reso arduo dal mancato rispetto dei diritti di accesso agli atti presentati dai singoli cittadini e del rispetto delle prerogative dei consiglieri regionali e comunali che si sono visti negare le richieste in termini di risposta su quanto accaduto». I consiglieri regionali che comitati e Codacons hanno incontrato in queste settimane «di fatto hanno tutti lamentato lo svuotamento ed il mancato rispetto delle loro prerogative, non vedendosi dare alcun riscontro a tutte le domande di accesso agli atti ed interrogazioni in materia di Covid presentate nei scorsi mesi». Ieri il Codacons (e nei prossimi giorni i comitati dei familiari vittime Covid, scrive l’ associazione) ha inoltrato alla Regione Emilia Romagna un’ istanza di accesso agli atti, confidando che venga rispettato nei 30 giorni, il diritto di accesso». –© RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox