20 Agosto 2010

“Gelmini intervenga sullo sforamento della spesa”

DA ILTEMPO.COM

Il Codacons, infatti, fa sapere ai genitori dei ragazzi laziali delle scuole superiori che per quanto riguarda il primo anno di corso, lo sforamento del tetto-spesa sui testi imposto dal ministero interesserà ben il 65% degli istituti. Non è una novità, lo sarebbe se succedesse il contrario. Anche se per l’ associazione dei consumatori il superamento della spesa non è altro che l’ effetto della riforma Gelmini che "introduce nuove materie scolastiche al primo anno come l’ insegnamento della fisica nei licei scientifici". Lo sforamento supera di media i 100 euro. Secondo l’ associazione dei consumatori la strategia di contenimento dei costi messa a punto dal Ministero dell’ Istruzione (il Codacons ricorda, che dopo aver introdotto la circolare che impedisce di cambiare libri, il Miur aveva sostenuto che entro il 2012 le famiglie avrebbero speso il 30% in meno) non ha dato i frutti sperati. Il risparmio veniva assicurato anche dalla possibilità di adottare libri misti e multimediali. Ma proprio quest’ ultimi hanno prezzi elevati. Il presidente Rienzi: "Il Ministero deve intervenire e prendere provvedimenti contro le scuole". Le controffensive? Oltre il mercato dell’ usato ce ne sono altre come quella di privilegiare l’ acquisto dei libri obbligatori tralasciando i consigliati (molti di loro rimarranno intonsi). E poi verificare in che cosa realmente differiscono le "nuove" edizioni rispetto alle precedenti. Spesso sono inezie. E quindi anche le vecchie (più economiche) vanno bene.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox