16 Settembre 2014

Gay: Codacons, nozze di Bologna legali, lo dice la Corte europea

 Gay: Codacons, nozze di Bologna legali, lo dice la Corte europea

(AGI) – Roma, 16 set. – “La trascrizione sui registri dello stato civile di matrimoni tra persone dello stesso sesso contratti all’estero, e’ assolutamente legale, e in tal senso il Prefetto non puo’ annullare le disposizioni di un sindaco che vanno in questa direzione”. Con queste parole, il Codacons scende in capo accanto al sindaco di Bologna, Virginio Merola, in merito alla decisione di registrare un matrimonio tra due persone dello stesso sesso. A legittimare la direttiva del sindaco e’ la Corte europea dei diritti dell’uomo – spiega il Codacons in una nota -, che con una sentenza depositata il 24 giugno 2010 ratifico’ le nozze di due omosessuali austriaci. Cosi’ Carlo Rienzi, presidente Codacons: “Merola si e’ limitato a riconoscere i legami tra persone che hanno contratto formale matrimonio all’estero, riconoscendo cosi’ il concetto di “vita familiare” in conformita’ di quanto previsto dalla Corte europea dei diritti dell’uomo”. (AGI) st2/Pgi

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox