23 Luglio 2019

GAY: ‘AMMAZZATELI TUTTI’, PROCURA INDAGA CANNATA

 

CODACONS: DIFFIDA A ORDINE DEI MEDICI. RADIAZIONE DA ALBO E VERIFICHE SU CURE PRESTATE DA CANNATA AI PROPRI PAZIENTI

Dopo l’apertura delle indagini da parte della magistratura su Giuseppe Cannata per le gravi affermazioni contro gay e lesbiche, il Codacons chiede a gran voce la radiazione del medico dall’Albo e diffida l’Ordine dei medici di Vercelli a procedere immediatamente in tal senso, avviando anche indagini sull’operato del vicepresidente del Consiglio comunale di Vercelli.
Dalle parole di Cannata emerge un odio che appare incompatibile non tanto con la carica politica, visto che dai rappresentanti delle istituzioni ci si aspetta oramai di tutto, quanto con la professione medica, attività estremamente delicata che attiene alla salute dei cittadini – spiega il Codacons – Un medico che invoca la morte per gay e lesbiche e incita al loro sterminio non può prestare attività sanitaria, e solleva più di un dubbio sul suo operato.
Per tale motivo l’associazione diffida l’Ordine dei medici di Vercelli a procedere all’immediata radiazione di Cannata dall’albo, e chiede alla magistratura e alle autorità sanitarie locali di predisporre approfondite indagini a tutto campo sulle cure prestate dal medico ai propri pazienti, specie se dichiaratamente gay.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox