30 Settembre 2021

Gas e luce alle stelle, protesta tra le bancarelle

Scenderà in piazza contro le bollette alle stelle Rifondazione Comunista che per sabato alle 11,30 ha organizzato un incontro con banchetto al mercato della Commenda. “Il governo – sostiene Diego Foresti, segretario provinciale del partito – predica bene e razzola male. Infatti si appresta a varare aumenti consistenti sulle bollette di luce e gas che colpiranno duramente il reddito familiare di lavoratrici, lavoratori e pensionati già tartassati duramente dagli aumenti sulla benzina e i generi di prima necessità. La scamperanno solo le fasce più povere della popolazione, famiglie con 4 figli, i percettori del reddito di cittadinanza e chi denuncia 8.250 euro di reddito isee”. Secondo Foresti, esiste un’alternativa a quello che definisce “un salasso insostenibile su salari e pensioni tra i più bassi in Europa”. “Bisognerebbe – conclude – tagliare i profitti delle grandi aziende che distribuiscono e vendono il gas e l’energia elettrica come è stato fatto in Spagna, eliminare oneri di sistema obsoleti, dare finalmente un taglio alle accise, alle addizionali regionali e all’iva, tasse pagate in prevalenza dai ceti popolari”. “Si tratta di un salasso per tante famiglie. Il Governo è intervenuto per calmierare per quanto possibile gli aumenti, ora il mio auspicio è che misure di sostegno per chi si troverà in difficoltà, come certo accadrà, vengano celermente messe a disposizione anche da parte dei Comuni”. Michele Aretusini, capogruppo della Lega in Comune delinea così l’effetto politico e sociale di quella che viene definita unA stangata per famiglie e imprese. Infatti, applicando le misure del decreto varato dal Governo, valide per il quarto trimestre dell’anno, i rincari per la famiglia tipo saranno del 29,8% per la bolletta elettrica e del 14,4% per quella del gas. In base alle stime del Codacons l’aggravio di spesa per ogni famiglia determinato dall’aumento sarà pari a +338 euro nel 2022: più 183 euro la luce, +155 euro il gas. “Come capogruppo della Lega – aggiunge Aretusini – mi adopererò per sensibilizzare in questo senso la nostra amministrazione comunale esortandola a mettere in campo tutte le risorse disponibili. Per fortuna, le casse del Comune di Rovigo versano in buone condizioni e sarà indispensabile esserci, per tutti i cittadini che dovessero avere bisogno. Speriamo _ conclude _ che a questi aumenti segua, nei mesi prossimi, un riassestamento delle tariffe”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox