16 Aprile 2019

Gare per i simboli, sul web tra polemiche e sondaggi

il codacons: siete favorevoli o contrari? la questione si ripropone dopo l’ offerta di 111mila euro per l’ addolorata
L’ offerta record per le sdanghe dell’ Addolorata (111mila euro) e il rialzo delle cifre per altri simboli delle due processioni della Settimana santa tarantina ha indotto il Codacons Taranto ha lanciare un sondaggio su Facebook, che durerà una settimana. Favorevoli o contrari alle gare per l’ aggiudicazione di simboli e poste? La stessa associazione dei consumatori precisa nel post (in cui elenca alcune delle cifre offerte dai confratelli) che «il sondaggio non riguarda la processione. Ma l’ asta. Sia chiaro» e si chiede: «Esistono le processioni senza aste? Pare di sì». Un cittadino, Francesco, ha subito replicato dichiarandosi pronto a fare «la lista di tutto ciò che le confraternite svolgono durante l’ anno a favore della città e dei propri cittadini meno fortunati. Nel frattempo, questi riti portano denaro fresco ai commercianti. Questo sondaggio, facciamolo – suggerisce – per strada, ai commercianti, a chi ogni giorno alza la serranda dei propri negozi, che aspetta anche queste manifestazioni che voi criticate scandalizzati, per fare un po’ di reddito. A chi non è cattolico, dovrebbe guardare queste manifestazioni anche dal punto di vista folkloristico e turistico, invece di condannare ogni santo anno». Sui Social, come ogni anno, anzi di più, si è scatenata la campagna moralizzatrice di quanti gridano allo scandalo per «quelle cifre così spropositate offerte in tempo di crisi». Accuse, insulti, offese. Ma il cittadino intervenuto per primo a commentare il sondaggio spiega, dal suo punto di vista, che «ognuno può utilizzare i propri soldi come vuole. Ci sono persone che li spendono in viaggi, ai centri scommesse, in sostanze stupefacenti. Mentre i confratelli, li usano per far sì che queste tradizioni secolari, continui no ad esistere in eterno». Un altro utente del social network è categorico: «Controllo fiscale subito per chi paga». Una donna tuona: «Vergogna, regalassero soldi alle famiglie disagiate che stanno a Taranto». A difesa del meccanismo delle “gare” risponde un confratello, Giuseppe: «Un sondaggio sui Riti? Senza parole…Tutti coloro che però stanno criticando, sono gli stessi che du rante il passaggio delle processioni ridono, gridano, mangiano… gentilmente non venite a vederle». Naturalmente, l’ aggiudicazione dei simboli più ambiti, a cominciare dalla sdànghe delle statue dell’ Addolorata per la Confraternita di San Domenico e di Gesù Morto per la Congrega del Carmine (quest’ anno l’ offerta è stata di 30mila euro), è legata alle capacità economiche dei singoli confratelli. Ma anche l’ ultima posta del pellegrinaggio rappresenta una «conquista» per chi partecipa ai cortei religiosi con la consapevolezza di dover fare una penitenza. Va ricordato che le offerte serviranno alle congreghe per il bilancio, la manutenzione della cappella cimiteriale, la retribuzione dei complessi bandistici, il restauro dei simulacri e per una serie di opere pie.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox