22 Luglio 2012

Galliani: “Restituiamo i soldi agli abbonati delusi”

Galliani: “Restituiamo i soldi agli abbonati delusi”

Giulio Mola Milano SODDISFATTI o rimborsati. Lo slogan pubblicitario più inflazionato di sempre è anche la risposta immediata del Milan alla minaccia di azione legale di una «class action» di tifosi delusi dalle manovre (soprattutto in uscita) di mercato rossonere. E siccome persino l’ Antitrust, su esposto del Codacons, era pronta ad occuparsi delle vendite di Ibra e Thiago in concomitanza di campagne abbonamenti definite «ingannevoli» (nella foto con il titolo «Scatena l’ orgoglio» c’ erano proprio lo svedese e il brasiliano con Nocerino, Boateng e Ambrosini), l’ ad Galliani, sempre più spaventato dall’ idea di ritrovarsi San Siro deserto, ha voluto tranquillizzare i supporter più arrabbiati: «Il Milan è disposto fin da subito a rimborsare gli abbonamenti sottoscritti da chi non è soddisfatto della campagna acquisti della società». Insomma, parole rassicuranti a tutela dei fan rossoneri e che anticipano eventuali (e probabili) clamorose azioni di rivalsa e diserzioni di massa, nonostante pochi giorni fa, a cessioni avvenute, il club di via Turati avesse cambiato l’ immagine della campagna abbonamenti: al posto dei cinque giocatori, infatti, c’ è una foto della Curva Sud con lo striscione «Ac Milan – In fondo all’ anima per sempre tu». E invece l’ avvocato del Codacons, Donzelli aveva annunciato che si stava per iniziare «a raccogliere le adesioni dei tifosi che intendono disdire l’ abbonamento sottoscritto col Milan ed ottenere il rimborso. E’ evidente ? proseguiva il legale ? che se un tifoso fa un abbonamento allo stadio per vedere le stelle della sua squadra e poi queste vengono vendute, ha tutto il diritto di farsi ridare i soldi indietro». Poi, nel pomeriggio, dopo essere venuto a conoscenza delle parole di Galliani, l’ avvocato Donzelli ha stretto la mano ai vicecampioni d’ Italia: «Una grande vittoria del Codacons e dei tifosi. Vogliamo complimentarci con Galliani che vince il derby della correttezza con l’ Inter. Il Milan dimostra attenzione per i consumatori; una tesi che avevamo avanzato anche all’ Inter, ma da Moratti non ci fu analoga sensibilità». C’ è da capire cosa decideranno poi di fare i tifosi delusi e rimborsati se entro il 31 agosto la società dovesse a mettere a segno quei 2-3 colpi auspicati da Massimiliano Allegri. Questo perché i dirigenti rossoneri continuano a lavorare non solo per l’ attaccante (oltre ai soliti noti, piace Oscar Cardozo, 29enne paraguaiano del Benfica), ma anche per un difensore (la novità riguarda Mapou Yanga-Mbiwa, 23enne francese che il Montpellier venderebbe a 6 milioni) ed un centrocampista da piazzare davanti alla difesa.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox