27 Ottobre 2020

FURBETTI DEL CARTELLINO, DENUNCIATI 8 DIPENDENTI ASL ROMA5

     

    CODACONS: SUBITO LICENZIAMENTI E AZIONE DI RECUPERO DEGLI STIPENDI INGIUSTAMENTE PERCEPITI. ASSENTEISMO E’ DANNO PER CITTADINI

    Se saranno accertati gli illeciti ipotizzati, i furbetti del cartellino scoperti alla Asl Roma 5 dovranno risarcire i cittadini per i danni loro arrecati. Lo afferma il Codacons, chiedendo il licenziamento immediato degli 8 dipendenti della struttura i quali, dopo aver timbrato il cartellino, abbandonavano il posto di lavoro per svolgere faccende personali.
    “Si tratta di reati che, se confermati, avrebbero ripercussioni dirette per gli utenti della sanità – spiega il presidente Codacons, Carlo Rienzi – Il danno per i cittadini è duplice: da un lato i servizi resi dall’azienda sanitaria dove lavoravano i dipendenti infedeli hanno subito un peggioramento a causa dell’assenza ingiustificata dei lavoratori dagli uffici, dall’altro vi è un evidente spreco di soldi pubblici, in quanto i furbetti del cartellino hanno percepito stipendi senza lavorare”.
    Per tale motivo il Codacons chiede il licenziamento immediato dei “furbetti del cartellino” della Asl Roma 5 e l’avvio di azioni di recupero delle retribuzioni percepite negli anni dai dipendenti disonesti, soldi che dovranno rientrare nelle disponibilità della collettività.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox