18 giugno 2017

Fumo vietato in spiaggia, Numana dice no I bagnanti divisi: «Basta il buon senso»

l’ ordinanza di sirolo fa discutere sotto l’ ombrellone
SIROLO è andata avanti da sola, ha accolto l’ invito del Codacons e ha vietato il fumo sulle spiagge e nelle aree gioco dei parchi pubblici. Su due lidi, quello delle Due Sorelle e dei Gabbiani, addirittura in maniera integrale, primo Comune in Italia ad adottare il provvedimento in maniera tanto restrittiva con multe fino a 500 euro. La «sorella» Numana ha appena preso nota dell’ ordinanza ma non si sente pronta, almeno per ora, a seguire Sirolo. Il sindaco Gianluigi Tombolini ne discuterà in Giunta prossimamente ma intanto sulle spiagge di Numana e Marcelli si può fumare, oggi come prima. «Personalmente, da non fumatore, ammetto che il fumo dà fastidio a me come a chiunque altro. Allo stesso tempo capisco che coloro che fumano hanno il diritto di farlo – commenta il primo cittadino Tombolini -. Non ho ancora preso visione dell’ ordinanza sirolese nell’ interezza dei suoi dettagli. La dovremmo valutare. La disposizione ha comunque senso nelle due spiagge delle Due Sorelle e dei Gabbiani, due aree importantissime dal punto di vista naturalistico e anche difficili da pulire. Spesso gli indisciplinati infatti lasciano il mozzicone a terra, un gesto di inciviltà che condanno. Credo che comunque su tutto debba prevalere il buon senso e l’ educazione, sempre, aldilà di ogni ordinanza». Ok al fumo quindi ma nel rispetto di chi è vicino, dice Numana. Intanto facendo un breve giro per le spiagge del litorale del Conero, l’ opinione dei bagnanti, turisti e non, è spaccata in due. «BENE, era ora che lo facessero, non se ne può più di sentire l’ odore di fumo quando si prende il sole», commenta Serena C. di Castelfidardo. Dall’ altra parte però c’ è chi non ci sta e minaccia addirittura di non mettere più piede a Sirolo: «Ci stanno togliendo tutte le libertà. Non possiamo nemmeno fumare all’ aria aperta, usando ovviamente il buon senso di non avvicinarci troppo a bambini, anziani e donne in gravidanza – commenta Luca B., anconetano -. E’ un’ ordinanza troppo restrittiva, come quella che vieta di portare i cani in spiaggia, sono più educati di tanti umani». Accolta da gran parte degli intervistati invece il capitolo dell’ ordinanza in cui sono previsti controlli e multe, anche fino a 300 euro, per coloro che gettano mozziconi di sigaretta o altri rifiuti di piccole dimensioni sul suolo, nelle aiuole, nelle caditoie e negli scarichi del sirolese. Silvia Santini.