11 Maggio 2005

FUMO PASSIVO/ CODACONS: VINTA PRIMA CAUSA RISARCIMENTO DANNI

FUMO PASSIVO/ CODACONS: VINTA PRIMA CAUSA RISARCIMENTO DANNI

Il tribunale di Roma condanna il Miur a risarcire 400mila euro

Roma, 10 mag. (Apcom) – Vinta dal Codacons la prima causa per riarcimento danni da fumo passivo. La IV sez. del Tribunale di Roma, giudice Giuseppina Vetritto, ha infatti condannato il ministero della Pubblica Istruzione a un mega-risarcimento danni di 395.725,00 euro più spese legali in favore degli eredi di una donna, dipendente del ministero, ammalatasi di tumore a causa del fumo passivo dei colleghi. A renderelo noto è lo stesso Codacons. Questi i fatti: la Sig.ra Maria Sposetti, fu assunta dal Ministero della Pubblica Istruzione in data 30 maggio 1980. Il 25 settembre 1992 le fu diagnosticato un tumore al polmone destro, per il quale si rese necessario intervenire chirurgicamente in data 17 ottobre 1992, con asportazione di una parte del polmone. Oltre il delicato ed invasivo intervento chirurgico, la sig.ra Sposetti ha dovuto subire: vari cicli di chemioterapia con grave debilitazione del suo organismo; sofferenti postumi della predetta terapia, non ultimo la totale perdita dei capelli; inoltre è stata colpita: da bronchite asmatica cronica; enfisema polmonare e da un grave stato di depressione ed esaurimento nervoso, dovuto alle preoccupazioni per la grave patologia di cui si è ammalata.Dall`esame istologico della massa tumorale è risultato che l`eziopatogenesi del tumore contratto dalla Sig.ra Sposetti, carcinoma epidermoidale, è direttamente riconducibile all`esposizione a fumo passivo, come risulta dalla relazione clinica del dott. Giulio Bigotti, specialista in anatomia patologica ed oncologica. La sig.ra Sposetti, che non aveva mai fumato in vita sua e non aveva avuto conviventi in famiglia dediti al fumo di sigaretta, è stata, suo malgrado, esposta per lungo tempo (7 anni) ad inquinamento da fumo passivo sul luogo di lavoro (lavorava in una angusta stanza, sprovvista di aeratori, con tre colleghe accanite fumatrici).Nel 2002 i familiari – attraverso il Codacons, che ha avanzato la causa seguita dagli avv.ti Carlo Rienzi e Vincenzo Masullo – hanno chiesto al Tribunale civile di Roma di accertare la violazione da parte del datore di lavoro (il Ministero della Pubblica Istruzione) delle norme in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro (art. 2087 c.c., Dlgs. 626/94 art. 32 Cost.) che ponevano a suo carico l`obbligo di tutelare la salute della dipendente Maria Sposetti dai rischi sui luoghi di lavoro e per l`effetto condannarlo al risarcimento di tutti i danni causati. “Il Parlamento – afferma il Presidente Codacons Carlo Rienzi – ha promesso ma non ha dato ai consumatori né la class action, né il danno punitivo, ma queste sentenze dimostrano che si può fare anche a meno di tali leggi quando c`è sensibilità da parte della magistratura. Adesso – prosegue Rienzi – si apre la strada a migliaia di cause di risarcimento danni per quei lavoratori che hanno dovuto subire alle loro scrivanie il disagio causato dal fumo dei colleghi“.

    Aree Tematiche:
  • FUMO
Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox