19 Settembre 2006

FUGHE DI GAS: I CONTROLLI SPETTANO ALLA SOCIETA` DISTRIBUTRICE

    UNA BATTAGLIA DEL CODACONS: LE SOCIETA? DEL GAS DEBBONO VERIFICARE GLI IMPIANTI ANCHE ALL?INTERNO DELLE ABITAZIONI





    Non interveniamo nel merito della tragedia accaduta ieri a Milano, anche perché c`è un`inchiesta della Procura in atto. In ogni caso, anche per prevenire il possibile ripetersi di incidenti, è bene chiarire un punto molto importante, che fino a pochi anni fa era controverso: a chi spettano i controlli in caso di fughe di gas?

    Si tratta di una vecchia battaglia del Codacons. Tutto incomincia dal Tar della Lombardia che aveva annullato una delibera dell? Autorità per l?energia e il gas che disponeva a carico delle società di distribuzione controlli anche in casa di chi avesse richiesto un intervento d?emergenza temendo fughe di gas. La delibera n. 236/00 stabiliva, infatti, che ?Il distributore ha l?obbligo di inviare personale da esso incaricato in seguito a chiamata per proprio intervento relativa a segnalazione di dispersione di gas sugli impianti di proprietà o gestiti dal cliente finale a valle del punto di consegna?.

    Il Codacons ricorse al Consiglio di Stato a fianco dell`Authority e vinse. Il Consiglio di Stato, sez. VI, nella motivazione dell?ordinanza precisò che ?i motivi di salvaguardia della sicurezza umana debbono prevalere sugli interessi economici delle imprese? e che ??poiché la misura assolutamente prioritaria per prevenire e limitare incidenti da dispersione di gas è (come le stesse appellate ammettono) l?interruzione della erogazione e poiché tale attività non può che essere posta in essere dal soggetto distributore, è evidente che, anche sotto il profilo del razionale esercizio, da parte dell?Autorità, del potere di garantire la sicurezza, è quest?ultimo e non altri a doversi dar carico del pronto intervento anche per gli eventi potenzialmente pericolosi e denunciati a valle del punto di consegna.?

    Ecco perché i tecnici del gas non possono rifiutare i controlli per le fughe di gas anche se richiesti da un utente per il proprio appartamento. La tesi è ribadita dalla delibera n. 168/2004.

    Solo per i controlli ordinari l`accertamento presso l`abitazione viene effettuato dall`installatore dell`impianto.
    Se, quindi, si avverte odore di gas bisogna chiamare il servizio di pronto intervento del distributore di gas, il cui numero telefonico è riportato su tutte bollette del gas, a qualsiasi ora del giorno e della notte e in qualsiasi giorno dell?anno. L`intervento è gratuito.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox